fbpx

Pastella: farina e acqua, 2 ingredienti per ricette croccanti

La Pastella renderà ogni piatto che preparerete una vera e propria bontà per il palato. Se siete alla ricerca di croccantezza ma leggerezza questa ricetta è quello che fa per voi!
Pastella pronta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La Pastella viene preparata semplicemente con farina e acqua, preferibilmente molto fredda. Si adatta a pesce, a carne e a verdure saporite (come melanzane, funghi , peperoni o anelli di cipolla), verdure crude o cotte a vapore. Se è di consistenza leggera si può usare anche con della verdura più delicata (come zucchine e fiori di zucca) o con la frutta. Esistono molte varianti: questo è il caso, ad esempio, della Pastella alla birra: qua si sostituisce l’acqua con della birra chiara freddissima in grado di conferire un gusto gradevolmente amaro al fritto e, come con l’acqua frizzante, una maggiore leggerezza. Ottime sono le fritture di pesce dove quest’ultimo resta tenero e la panatura croccante; il fritto misto di pesce pastellato è molto semplice da preparare e perfetto in ogni occasione: vengono adoperati gli immancabili gamberi, i calamari il baccalà, ma anche i crostacei e le alici. Alici che potete anche decidere di presentare non fritte ma marinate come accompagnamento ad un antipasto: le Alici marinate, cotte con il limone o con l’aceto rendendo il cibo più digeribile e salutare. Allora divertitevi a immergere in nuovi sapori i cibi semplici e intramontabili delle nostre tavole per renderli ancora più gustosi con questa Pastella!

Ingredienti per 5/6 persone

  • Farina 00: 200 g
  • Acqua frizzante fredda: 300 ml
  • Preparazione: 5 minuti
  • Cottura: 10 minuti
  • Totale: 15 minuti
  • Calorie: 118Kcal/100g

Preparazione

1

Prendere una ciotola e versare al suo interno la farina 00.

2

Riempire un dosatore con l'acqua frizzante fredda e inserirla a filo nella ciotola insieme alla farina.

3

Mescolare gli ingredienti, con l'aiuto di una frusta, fino a quando l'impasto non risulterà liscio e privo di grumi.

Accessori

  • Una ciotola
  • Frusta
  • Bilancia da cucina
  • Dosatore

Consigli e suggerimenti

  • Vi consigliamo di non salare mai la Pastella perché il sale tende a far avere dei fritti molli e per nulla croccanti; i cibi fritti vanno salanti sempre dopo la cottura, all’ultimo momento.
  • Se dovesse capitare che nella crema si formino i grumi, basterà filtrarla con un colino per recuperarla.
  • Anche se vi sembra particolarmente liquida, non fatevi ingannare: non aggiungete farina extra, altrimenti tenderà a diventare spugnosa.
  • Un altro suggerimento è quello di lasciarla riposare almeno 15 minuti prima di cuocerla per far sì che assuma la temperatura giusta; lasciata riposare in freezer risulterà ancora più croccante grazie allo shock termico che avviene in cottura!
  • Se volete preparare una Pastella senza glutine potete sostituire la farina 00 con quella di riso.
  • Vi suggeriamo di utilizzare l’olio di semi di arachidi per friggere perché è in grado di tenere le alte temperature e mantenere i fritti croccanti e asciutti.
  • La Pastella è ottima anche con la frutta per realizzare veri e propri dessert. La preparazione è molto veloce: la frutta (che può essere kiwi, banana, mela, pera) viene pulita e tagliata in pezzi grossolani. Questi vengono poi inseriti su uno spiedino di legno, passati nella pastella e fritti in olio di semi. Perché non osare anche con della Frutta esotica come papaya, platano o ananas, per catapultarvi in un’atmosfera calda e profumata? Se desiderate un crema più corposa, potete utilizzare del latte fresco: la Pastella al latte è ottima per fare le Frittelle di mele o di altra frutta.

Conservazione

Si consiglia di utilizzare la Pastella per fritti al momento; all’occorrenza si può conservare in frigorifero per massimo 1 giorno coperta con della pellicola trasparente.

Storia

Si ipotizza che già nel 2.500 A.C. gli Egizi utilizzassero la Pastella cotta nell’olio di semi e che successivamente anche i Romani la preparassero frequentemente con carni e verdure, introducendo l’utilizzo dell’olio d’oliva per la cottura. Origini così antiche hanno portato innumerevoli modifiche e personalizzazioni della ricetta, ma nel corso del tempo ha conservato due caratteristiche fondamentali: facilità e velocità di preparazione. La pastella, tramandata di secolo in secolo, arriva nelle cucine delle nostre nonne non come ricetta, ma come stile di vita.

Tanti si domandano quale è la differenza tra Pastella e Tempura: in realtà la tempura è essa stessa un tipo di Pastella di origine giapponese e si differenzia essenzialmente per il metodo di preparazione: viene preparata con acqua ghiacciata, farina di riso, sale e un uovo e lasciata in frigorifero per un’ora prima di poter essere utilizzata. Gli alimenti vengono immersi nella Pastella e poi tuffati nell’olio bollente. Lo shock termico dato dalla Pastella gelata e dall’olio bollente da luogo ad una frittura asciutta, leggera e croccante. In genere è usata per fritti a base di crostacei e verdure: a questo proposito provate la differenza tra le due sperimentando la nostra deliziosa ricetta della Tempura di verdure.