Skip to main content

Il Futomaki è una delle varianti del sushi giapponese, assieme all’hosomaki e ai gunkanmaki. La variante del futomaki prevede un interno a base di 4 ingredienti. Noi abbiamo usato cetriolo, carote sbollentate, salmone crudo e avocado, avvolti da un involucro di riso e, all’esterno, alga nori, cioè l’alga tipica giapponese per sushi. Voi, però, potete usare anche altri ingredienti: tonno oppure branzino, cotti o alla piastra, oppure surimi o uova di pesce, zucchine crude. Prepararlo è davvero semplice e potrete così arricchire il vassoio di pezzi misti di sushi da presentare ai vostri ospiti. Per la preparazione del riso per sushi vi rimandiamo alla ricetta degli uramaki. Leggete i nostri consigli per preparare un perfetto Futomaki e per la gestione del pesce crudo, in linea con la guida al consumo del pesce crudo o parzialmente cotto del Ministero della Salute.

Ingredienti per 2 persone

  • Alga nori: 4 foglie
  • Riso già cotto: 400 g
  • Salmone: 300 g
  • Avocado: 1 medio
  • Cetriolo: 1 piccolo
  • Carota: 1 media
  • Wasabi: q.b.
  • Preparazione: 40 minuti
  • Cottura: 10 minuti
  • Totale: 50 minuti
  • Calorie: 316 kcal/porzione

Preparazione

1

Pelate e tagliate le due estremità della carota. Ponete sul fuoco una pentola con acqua e aspettate arrivi al bollore. Tuffatevi la carota e lasciatela sbollentare per 10 minuti, poi scolatela e lasciatela raffreddare.

2

Tagliatela a metà e poi in bastoncini da circa ½ cm l’uno, cercando di ottenere dei bastoncini simili tra loro.

3

Pelate il cetriolo, tagliatelo a metà nel senso della lunghezza e poi in bastoncini da ½ cm.

4

Dividete a metà l’avocado usando un coltello. Rimuovete il seme interno scavandolo con un cucchiaio. Sbucciatelo (se l’avocado è abbastanza maturo vi basterà tirare la buccia dall’alto verso il basso) e tagliatelo in fette di ½ cm.

5

Rivestite la stuoia di bambù con della pellicola trasparente e sistemate l’alga nori sulla stuoia nel senso della lunghezza. Prendete 100 g di riso cotto e appoggiatelo sull’alga.

6

Distribuite il riso sull’alga usando il cucchiaio di legno, lasciando 1 cm di spazio sui lati larghi, sopra e sotto.

7

Spalmate ½ cucchiaino di wasabi al centro e iniziate a posarvi 2 bastoncini di cetriolo.

8

Aggiungete anche 2-3 fette di carota, 2 fette di avocado e una striscia di salmone spessa circa 1 cm.

9

Avvolgete il rotolo usando la stuoia: prendete il bordo inferiore della stuoia e premete con le mani per arrotolare il tutto come fosse un involtino. Fate una leggera pressione sul rotolo.

10

Proseguite ad arrotolare la stuoia in modo che la striscia lasciata libera dal riso possa aderire al resto dell’alga e sigillare il vostro rotolo, grazie all’umidità del riso. Premete di nuovo bene tutta la stuoia nel senso della lunghezza, così da modellare il rotolo.

11

Il Futomaki è pronto. A questo punto dovrete tagliarlo, bagnando la lama di un coltello affilato in un mix di acqua e aceto e tagliando il rotolo a fette di 1 cm.

12

Sistemate su un vassoio assieme agli altri pezzi di sushi. Servite con una ciotolina di salsa di soia, un ciuffetto di wasabi e dello zenzero marinato.

Consigli e suggerimenti

Se volete evitare il processo di abbattimento del pesce, potete acquistarlo già abbattuto nelle pescherie più fornite, oppure acquistare pesce surgelato e lasciarlo scongelare completamente. Vi consigliamo di usare comunque pesce di ottima qualità.

Anche il riso per sushi, l’alga nori e gli altri ingredienti per la farcitura devono essere di buona qualità: acquistate la verdura e l’avocado stando attenti che non presentino parti annerite, e che siano ben sode e fresche.

La stuoietta di bambù per la preparazione del sushi, così come l’apposito cucchiaio di legno, si possono trovare nei negozi specializzati in cucina oppure online. La stuoietta è essenziale per arrotolare correttamente il rushi.

Non riempite il rotolo di sushi con troppi ingredienti, altrimenti non riuscirete ad arrotolare bene l’alga nori, che potrebbe rompersi. Trovate il giusto equilibrio tra riso e ripieno.

Non bagnate l’alga nori prima di usarla: l’alga deve restare asciutta. Eventualmente potete bagnare con la punta delle dita solo il centimetro di alga che andrà a chiudere il vostro futomaki una volta arrotolato.

Il wasabi è una radice dal gusto piuttosto forte e piccante. Trovate il wasabi in pasta nei supermercati, nella sezione etnica. Se il sapore non dovesse piacervi, potete ometterlo. Lo zenzero marinato serve a rinfrescare la bocca tra un boccone e l’altro. Se però non doveste trovarlo, potete servire delle fettine di zenzero fresco oppure ometterlo.

Scatenate la vostra creatività! Potete usare i vostri ingredienti preferiti per personalizzare il sushi. Per esempio, potreste realizzare dei deliziosi gamberi in tempura da unire e fettine di zucca varietà delica cotte al forno per un sushi diverso e dal sapore eccezionale!

Conservazione

Potete conservare i futomaki in frigorifero, coperti da pellicola trasparente, per 1 giorno al massimo. Vi sconsigliamo di consumarli dopo più di un giorno dalla preparazione. Non possono essere congelati.

Lascia una risposta