fbpx

French Martini cocktail, ricetta e suggerimenti

Delicato e profumato, dal sapore fruttato e morbido, ecco la ricetta del cocktail dalle sfumature rosate: il French Martini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Cremoso, avvolgente, fruttato. Servito nell’iconica Coppetta e guarnito con un lampone o uno spicchio di limone, il French Martini è da provare. Adatto a qualsiasi occasione, dal brunch all’aperitivo, durante una cena come valido sostituto del classico bicchiere di vino oppure come after dinner per brindare in compagnia. La Vodka è l’ingrediente che gli conferisce più carattere, anche se già di suo ne avrebbe da vendere. Con il liquore ai lamponi e il succo di ananas, infatti, già conquista. La sua storia si divide tra New York e la Francia e il suo nome potrebbe ingannare. Vediamo come si prepara il French Martini e scopriamo tutte le curiosità legate a questo cocktail famoso, ma ancora da scoprire del tutto.

Ingredienti per 1 persona

  • Vodka: 45 ml
  • Liquore al lampone (es. Chambord): 15 ml
  • Succo di ananas: 15 ml
  • Scorza di limone
  • Ghiaccio: 6/7 cubetti
  • Per decorare: 1 o 2 lamponi o una rondella di lime (o limone)
  • Preparazione: 5 minuti
  • Cottura:
  • Totale: 5 minuti
  • Calorie: 190 Kcal/cocktail

Preparazione

1

Raffreddare la coppetta Martini con 2 cubetti di ghiaccio, facendoli roteare. In alternativa, ponete il bicchiere direttamente in freezer per pochi minuti

2

Nel frattempo preparare il drink. Nel 'mixing glass' versare tutti gli ingredienti: Vodka, liquore al lampone, succo di ananas e gli altri cubetti di ghiaccio

3

Mescolare delicatamente con l'aiuto di un cucchiaino dal manico allungato e filtrare il drink con lo strainer (in alternativa un semplice colino) versandolo nella coppetta

4

Prendere la scorza di limone e spremerla facendo cadere gli olii essenziali sulla bevanda

5

Decorare con i lamponi, infilzandoli in uno stuzzicadenti decorativo, oppure con una fettina di lime o limone, e servire

Accessori

  • Una Coppetta, chiamata anche Coppa Martini
  • Un ‘mixing glass’, ossia un bicchiere alto e capiente che aiuta a mescolare gli ingredienti
  • Uno strainer oppure, se non lo avete, un colino
  • Un cucchiaino dal manico allungato

Consigli e suggerimenti

  • Per raffreddare perfettamente la coppetta in cui verserete il vostro French Martini, vi consigliamo di porre per pochi minuti il bicchiere direttamente in freezer. In pochissimo tempo diventerà ben ghiacciato e riuscirà a mantenere una temperatura della bevanda bassa più a lungo, rendendo più piacevole la bevuta.
  • Il liquore ai lamponi più famoso è il Chambord, ma potete inserire quello che più preferite.
  • Volete variare dalla classica ricetta del French Martini? Esistono diverse rivisitazioni. Due tra tutte la versione ‘Sparkling French Martini‘ che vede l’aggiunta di 50 ml di Champagne o di Spumante italiano, e la versione ‘Very French Martini‘ che sostituisce la Vodka con del Cognac ben invecchiato. Per una nota caramellata e più profonda. Da provare per trovare il vostro preferito.
  • Evitate il succo d’ananas industriale e preferite un succo biologico e senza conservanti per un sapore più genuino e intenso. Il vostro cocktail risulterà più piacevole e saporito.

Storia

Non fatevi ingannare dal suo nome; con il classico Martini questo cocktail ha in comune soltanto la coppetta in cui è servito e la Vodka. Il resto è tutta un altra storia. Il French Martini vede differenti versioni sulla sua nascita. La prima conferisce la paternità del cocktail a Keith McNally del locale Balthazar di Soho, a New York, alla fine degli anni ’80. Un’altra versione vuole che il French Martini fosse stato ideato dall’azienda francese Chambord, produttrice dell’omonimo liquore ai lamponi che è l’ingrediente principe di questo drink. Seguendo questa tesi si spiega il nome ‘French’ che rappresenterebbe il collegamento tra il prodotto base utilizzato e il Paese di provenienza, la Francia (e in particolare la Valle della Loira).

Ma vi starete chiedendo il perché dell’aggiunta ‘Martini’ al nome di questo drink. Semplicemente è stato un accostamento voluto per richiamare il celebre cocktail contenuto nell’iconica coppetta, probabilmente per renderlo più appetibile. Soprattutto a partire dalla metà degli anni ’90 il French Martini è divenuto molto famoso in tutto mondo e mantiene la sua fama tutt’oggi.

Conclusione

Se amate i cocktail non troppo alcolici, equilibrati e dal gusto fruttato e dolce, il French Martini fa proprio al caso vostro. Ideale se state organizzando un brunch o un aperitivo tra amici, ma anche come bevanda da sorseggiare durante una cena a base di pesce o con una sfiziosa carbonara. E se vi piacciono tutti quei drink che vengono serviti nell’iconica Coppa Martini, non potete non provare anche l’Alexander, il Cosmopolitan, l’Aviation e il Rob Roy. Non vi resta che assaggiarli tutti.