fbpx

Salsa al curry, veloce e sfiziosa

Come preparare una deliziosissima salsa al curry, ideale per accompagnare sia i primi piatti che moltissimi secondi.
salsa al curry
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Il curry è un mix di spezie tipico della cucina indiana. Lo troviamo in commercio in polvere di colore giallo-arancio, in due tipologie, una più dolce e una dal sapore più forte. Le spezie che lo compongono sono: pepe nero, cumino, curcuma, zenzero, coriandolo, peperoncino, zafferano, cannella, cardamomo, chiodi di garofano, noce moscata, con un sapore finale vivace e pungente in grado di insaporire diversi piatti. Con questo ingrediente possiamo facilmente preparare una salsa per accompagnare e condire una pasta, oppure carni e verdure. La salsa al curry che andiamo a preparare ha le basi di una besciamella che può essere personalizzata a vostro piacimento. Avremo quindi bisogno di pochi ingredienti e di un po’ di pazienza. Proprio come per la besciamella infatti, partiremo  preparando un roux, ovvero il composto di burro fuso e farina che fa da addensante e base per molte salse. Al roux andremo ad aggiungere la parte liquida, rappresentata dal latte. Aggiungere il latte gradualmente e mescolando, fuori dal fuoco, ci eviterà la formazione dei tanti temuti grumi, forse l’unica difficoltà di questa ricetta. Infatti i grumi che spesso rovinano la vostra besciamella e qualsiasi salsa, sono spesso legati o allo sbalzo di temperatura tra roux e latte, oppure all’aver saltato il passaggio della formazione del roux. Se nonostante tutte le accortezze si sono formati comunque dei grumi, potete salvare la vostra salsa setacciandola con un colino a maglie strette.

Ingredienti per 2

  • Latte: 250 ml
  • Farina 00: 20 g
  • Burro: 20 g
  • Curry in polvere: 20 g
  • Cipolla tritata: 10 g
  • Vino bianco: q.b
  • Sale: q.b
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 10 minuti
  • Totale: 20 minuti
  • Calorie: 99 Kcal/100 g

Preparazione

1

In una padella antiaderente mettere a sciogliere il burro a fuoco basso.

2

Quando il burro è sciolto, aggiungere la cipolla tritata e far rosolare alcuni minuti, girando con un mestolo. Prestare attenzione alla cipolla che non si bruci, eventualmente abbassare il fuoco.

3

Quando la cipolla si sarà ammorbidita, sfumare con il vino. Dopo qualche minuto aggiungere il curry e la farina e mescolare. La farina assorbirà la parte liquida, lasciare sfrigolare il composto per qualche minuto.

4

Fuori dal fuoco aggiungere gradualmente il latte a temperatura ambiente. Inizialmente aggiungere un mestolino di latte, mescolare per far assorbire il liquido e procedere con ulteriori piccole aggiunte continuando a mescolare. Insaporire con un pizzico di sale. Riportare sul fuoco, alzare la fiamma, continuare a mescolare per far addensare la salsa. La salsa curry è pronta per essere utilizzata.

Accessori

  • Padella antiaderente
  • Cucchiaio

Consigli e suggerimenti

  • Possiamo insaporire la nostra salsa al curry con dello zenzero fresco da far soffriggere insieme alla cipolla, oppure aggiungendo altre spezie e aromi a noi graditi, come paprika o peperoncino.
  • Nella besciamella le proporzioni di farina e burro sono uguali. La quantità rispetto al latte che si aggiunge determina una salsa liquida o più densa.
  • Il curry gode delle numerose proprietà delle spezie che lo compongono. Ha quindi attività antinfiammatoria, antiossidante e stimola la digestione.
  • Possiamo usare la nostra salsa al curry per preparare il pollo al curry, o una pasta con curry e gamberi.

Conservazione

Una volta cotta (se non viene utilizzata subito) per farla raffreddare evitando la formazione di una pellicina densa sulla superficie, occorre disporre un foglio di pellicola direttamente a contatto con la salsa al curry. Conservare la salsa al curry in recipiente chiuso per 2 giorni in frigo. E’ possibile congelare la salsa al curry per 2 mesi, in freezer in un contenitore ermetico. Lasciarla scongelare successivamente in frigo.

Storia

Tante spezie le abbiamo conosciute grazie alla cucina indiana. Ma se andiamo in India sperando di trovare il curry come lo conosciamo noi potremmo restare delusi.

La polvere gialla che ben conosciamo e che ormai si è diffusa anche in occidente, nasce in realtà dai mercanti del Settecento per poter trasportare più facilmente queste spezie ai mercati europei, da cui si diffuse con un alto livello di gradimento. In India le miscele di spezie sono indicate con il temine Masala. Mentre il temine curry si riferisce a delle foglie di una pianta del genere citrus, con un aroma che ricorda vagamente il limone, molto usate nella cucina indiana.