Panna acida: cos’è e come prepararla in casa

La panna acida è un ingrediente tipicamente anglosassone. Ottima con le patate , ideale per preparare la New York Cheesecake.
panna acida
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Ok, forse il nome non è dei più convincenti ma vi assicuro che la panna acida è una vera delizia! Innanzitutto cerchiamo di capire di cosa si tratta e poi vedremo come si utilizza e come prepararla in casa. La panna acida, detta anche sour cream in inglese o crème fraiche in francese, è essenzialmente della normale panna che, grazie all’aggiunta di particolari batteri, viene fatta inacidire. Questo processo dona alla panna un gusto leggermente acidulo, che ricorda quello dello yogurt bianco, e la rende anche meno calorica! La panna acida è fondamentalmente utilizzata come salsa di accompagnamento (l’abbinamento tipico è quello con le patate al forno, soprattutto con le tipiche baked potatoes di origine anglosassone, ma è ottima anche per accompagnare carne, pesce, verdura e frutta) ma anche come ingrediente in molte preparazioni dolci da forno come cookies, torte, scoones e pasticcini vari, alle quali conferirà il retrogusto leggermente acidulo che la caratterizza.

Ingredienti per 4 persone

  • Panna fresca: 100 ml
  • Yogurt greco: 100 g
  • Succo di limone: 1 cucchiaio
  • Panna: 120 ml
  • Succo di limone: 1 cucchiaino
  • Latte: 30 ml
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura:
  • Totale: 15 minuti
  • Calorie: 193 kcal/100 g

La ricetta veloce

1

Mescolare in una ciotolina con l’aiuto di una frusta tutti gli ingredienti fino ad ottenere una crema liscia e priva di grumi.

2

Coprire la ciotolina con della pellicola alimentare e fare riposare un’ora in frigorifero prima di utilizzarla.

La ricetta tradizionale

1

Mescolare in una caraffa (o comunque in un contenitore alto e stretto) la panna, il succo di limone e il latte; coprire la caraffa con della carta da cucina e fissare quest’ultima con un elestico.

2

Lasciare riposare tutta notte (fino ad un massimo di 24 ore) a temperatura ambiente. Trascorso il tempo di riposo il composto apparirà abbastanza denso. A questo punto mescolare nuovamente, chiudere con un coperchio ermetico o della pellicola per alimenti e riporre in frigorifero.

patate al cartoccio

Consigli e curiosità:

Una volta pronta la panna acida si conserva in frigorifero per massimo 10/15 giorni.

Durante la conservazione in frigorifero la parte più liquida potrebbe separarsi dalla parte più densa. Niente paura! Date una mescolata energica e la panna acida è di nuovo pronta! Se invece preferite una consistenza più soda, potete buttare la parte più liquida e tenere solo quella più soda.

La panna acida è un’ottima base per creare altre salse di accompagnamento: provate a mescolarla con il ketchup o la senape!

La panna acida può essere arricchita con aromi e spezie: aggiungete dell’erba cipollina fresca tagliata fine o della paprika dolce in polvere, due abbinamenti ottimi con le patate!

Se utilizzate la panna acida per fare dei dolci da forno, ricordatevi di riportarla a temperatura ambiente prima di mescolarla con altri ingredienti. Questo piccolo accorgimento vi garantirà risultati migliori.

La panna acida in Italia

In Italia il suo utilizzo non è molto comune ma la ritroviamo in numerose ricette di origine inglese, francese, russa e sudamericana. Oltre alle già citate baked potatoes o a dolci americani come la famosa New York Cheeseake, nella cucina messicana la panna acida accompagna nachos e burritos mentre nella cucina russasi consuma, ad esempio, con i blinis o si utilizza per preparare il famoso filetto di manzo alla Stroganoff.

Negli ultimi anni è possibile trovare anche qui da noi in Italia la panna acida nei supermercati più forniti o nei negozi di alimenti etnici. Nel caso in cui non riuscissimo a trovarla già pronta o semplicemente avessimo voglia di farla con le nostre manine, vi propongo qui due ricette. Una versione veloce da preparare all’ultimo momento e la versione tradizionale che prevede una notte di riposo in frigorifero che va quindi preparata almeno un giorno prima.