Skip to main content

I paccheri alla mediterranea sono un primo piatto davvero eccezionale nella sua semplicità. Il nome stesso ricorda le soleggiate terre del Mar Mediterraneo, la bontà e genuinità dei piatti della penisola Italiana. Il vero segreto sta nella scelta delle verdure: fresche, di stagione e saporite. La ricetta prevede di friggere le melanzane e saltare le zucchine e i peperoni in padella; le verdure sono poi accompagnate con capperi e olive nere, che danno sapidità e corpo al piatto, e con la provola che conferisce quel tocco finale irrinunciabile. I paccheri alla mediterranea possono essere consumati sia caldi che freddi, per cui rappresentano un primo piatto molto versatile da poter proporre per un pranzo o un buffet in piedi. I paccheri alla mediterranea si adattano perfettamente all’esigenza di un’intera famiglia dai gusti diversi e il giorno dopo sono ancora più buoni! Potete, inoltre, variare le verdure a vostro piacimento per ottenere ogni volta un risultato diverso.

Ingredienti per 3 persone

  • Melanzane: 1
  • Zucchine: 2
  • Peperone: 1
  • Cipollotto: ½
  • Pomodoro: 1
  • Capperi: 20 g
  • Olive nere: 50 g
  • Olio extravergine d’oliva: 40 ml
  • Olio extravergine d’oliva per la frittura oppure olio di semi: 100 ml
  • Paccheri: 200 g
  • Provola: 50 g
  • Sale fino: q.b.
  • Sale grosso: q.b.
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Totale: 1 ora
  • Calorie: 257 Kcal/porzione

Preparazione

1

Mondate e tritate finemente la cipolla. Lavate le verdure e tagliate le zucchine a cubetti.

2

Tagliate prima a striscioline e poi a cubetti anche i peperoni.

3

Versate in un tegame capiente l’olio e aggiungete la cipolla. Fate scaldare a fiamma dolce e dopo 2 minuti unite i cubetti di zucchine e peperoni. Aggiungete un pizzico di sale e fate cuocere per 10 minuti.

4

Scaldate in un pentolino 100 ml di olio a fuoco medio. Nel frattempo tagliate le melanzane a cubetti da ½ cm.

5

Quando l’olio sarà caldo tuffatevi le melanzane e friggetele per circa 10 minuti a fiamma media.

6

Appena saranno ben dorate rimuovetele dall’olio con l’aiuto di una schiumarola e lasciatele scolare su un foglio di carta assorbente. Aggiungete 1 pizzico di sale.

7

Una volta che le melanzane avranno perso l’eccesso di olio unitele al tegame con zucchine e peperoni. Aggiungete anche il pomodoro tagliato a dadini e i capperi tritati.

8

Lasciate cuocere altri 5 minuti. Nel frattempo ponete una pentola d’acqua sul fuoco e, al bollore, versate 1 presa di sale e la pasta. Lasciate cuocere secondo il tempo indicato sulla confezione.

9

Aggiungete al tegame di verdure anche le olive nere e il basilico fresco. Scolate la pasta direttamente nel condimento e saltate velocemente per amalgamare i sapori. Spegnete il fuoco e aggiungete la provola. Servite caldo, guarnendo con qualche foglia di basilico.

Consigli e suggerimenti

Potete aggiungere altri ortaggi o variarne alcuni: per esempio, potete eliminare i peperoni tondi e sostituirli con i friggitelli, oppure usare le melanzane perline o lunghe al posto delle melanzane tonde.

Potete sostituire la provola con la scamorza affumicata, oppure con la mozzarella di bufala o con cubetti di formaggio Primosale. Se non vi piace il formaggio potete ometterlo o sostituirlo con alcuni filetti di tonno sott’olio in vetro.

Il pomodoro fresco può essere sostituito dai pomodori ciliegini o datterini, dal gusto più dolce. Se ne avete, potete usare anche i pomodorini gialli, molto delicati. Oltre al basilico potete aggiungere delle foglioline di timo fresco.

Vi consigliamo di usare olive nere di buona qualità, come quelle di Gaeta. Non consigliamo di comprare olive in barattolo: cercate sempre di rivolgervi alla vostra salumeria di fiducia per avere prodotti freschi.

Potete usare la vostra pasta preferita: noi vi abbiamo proposto i paccheri lisci, ma potete usare anche paccheri rigati o altra pasta corta come le mezze maniche o la calamarata.

Conservazione

I paccheri alla mediterranea possono essere conservati in frigorifero, coperti da pellicola, per 2 giorni. Si sconsiglia la congelazione.

Lascia una risposta