fbpx

Crema di limoncello: ricetta facile con l’agrume estivo per eccellenza

Che ne dite di chiudere un pasto in bellezza insieme ad amici e parenti e con un bel bicchierino fresco di Crema di limocello?
Crema di limoncello pronta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La Crema di limoncello è un liquore dolce ottenuto dalla macerazione, in alcool etilico, delle scorze del limone (ed eventualmente di altri agrumi), miscelata in seguito con uno sciroppo di acqua e zucchero. E’ un liquore molto versatile che viene usato anche nella preparazione di macedonie, gelati, muffin o torte: provate ad utilizzarlo come farcitura per aromatizzare ad esempio una Torta caprese. Il limoncello è quella bevanda alcolica fatta in casa per eccellenza che mette tutti d’accordo, in grado di sprigionare ed esaltare tutti gli aromi più intensi del limone. Quindi in qualsiasi modo la utilizziate o lo serviate in tavola, la Crema di limoncello sarà una vera ondata di freschezza! Vediamo la ricetta della crema al limoncello.

Ingredienti per 8/10 persone

  • Alcool Buongusto: 250 g
  • Panna fresca liquida: 250 g
  • Latte: 250 g
  • Zucchero semolato: 300 g
  • Limoni non trattati: 4
  • Baccello di vaniglia: 1
  • Preparazione: 20 minuti
  • Cottura: 10 minuti
  • Totale: 30 minuti
  • Calorie: 120Kcal/50ml

Preparazione

1

Prendere i limoni, lavarli accuratamente sotto acqua corrente e con un pelapatate prelevarne la buccia posizionandola all'interno di una ciotola. Attenzione ad evitare di estrarre la parte più interna e bianca dell'agrume perché risulterebbe troppo amara.

2

Prendere un barattolo di vetro e riempirlo con le scorze del limone; versare al suo interno anche l'alcool e il baccello di vaniglia aperto a metà, con l'aiuto di un coltellino. Richiudere il barattolo con il suo coperchio e lasciar macerare gli ingredienti in un luogo fresco e buio per circa 15 giorni.

3

Trascorso il tempo necessario, eliminare il baccello di vaniglia e le scorze del limone dal barattolo di vetro ed all'occorrenza filtrare con un colino a maglie strette il liquido rimasto.

4

A questo punto prendere un pentolino e versare al suo interno il latte, la panna e lo zucchero semolato. Portare a bollore e cuocere i liquidi per circa 5 minuti; dopodiché togliere dal fuoco il pentolino e lasciare raffreddare bene gli ingredienti.

5

Una volta raffreddata la crema versare al suo interno anche il limoncello, precedentemente filtrato, e mescolare il tutto con una frusta fino ad ottenere una Crema di limoncello liscia e omogenea pronta da imbottigliare.

Accessori

  • Pelapatate
  • Un barattolo con coperchio
  • Coltellino
  • Colino a maglie strette
  • Un pentolino
  • Frusta
  • 1/2 bottiglie di vetro da 1 l

Consigli e suggerimenti

  • Se, nel filtrare le bucce del limone dall’alcool con l’aiuto di un colino, notate delle impurità, rivestite il colino stesso con un tovagliolo di stoffa in modo da trattenerle.
  • Nei tempi della preparazione di questa crema prestate attenzione a calcolare anche la tempistica di macerazione delle scorze del limone che in questo caso è di 15 giorni in un posto fresco e buio.
  • La Crema di limoncello la si può gustare come digestivo da fine pasto, oppure aggiunta al ghiaccio tritato per creare una sorta di granatina alcolica.
  • Il gusto del limoncello viene esaltato se bevuto freddo in quanto l’aroma dolce viene avvolto dall’alcool; ma anche a temperatura ambiente sa farsi amare.
  • Per i palati più originali vi suggeriamo di provare a sfumare un risotto o utilizzare la Crema di limoncello per cucinare carni bianche o saltare dei gustosissimi Gamberoni in padella.

Conservazione

La Crema di limoncello si può conservare in freezer all’interno di bottiglie di vetro per circa 6/8 mesi; estraetela circa 10 minuti prima di servirla.

Storia

La Crema di limoncello è un gustoso liquore dolce preparato miscelando limoni, zucchero e alcool; solitamente gustato come digestivo, a fine pasto, ma spesso anche come aperitivo. Le origini del limoncello sono incerte: la paternità della ricetta di questo famoso liquore è, infatti, contesa tra tre località campane: Amalfi, Capri e Sorrento famose proprio per l’abbondanza di alberi di profumatissimi limoni e per una produzione di limoncello tramandata da generazioni.

Il limone in cucina è un ingrediente molto amato sia nelle preparazioni di dolci che piatti salati e del quale si sfrutta sia il succo che la buccia grattugiata, in grado di donare un sapore ed un profumo irresistibili.