fbpx

Calamari gratinati al forno

La ricetta light, facile e veloce, per anelli deliziosi, croccanti fuori e morbidi dentro.
Calamari al forno gratinati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

I calamari gratinati al forno sono un’ottima soluzione per un piatto di pesce economico, facile da preparare e più leggero, per esempio, della sua variante fritta. Sono perfetti come antipasto, ma anche serviti come secondo, accompagnati da zucchine al forno, o deliziose patatas bravas. Il vantaggio della cottura al forno è indubbiamente il ridotto apporto calorico, ma anche il fatto che non si devono lavare padelle imbrattate d’olio, niente schizzi da pulire, per non parlare del tanto temuto odore di fritto, completamente assente. Avrete voglia di cucinare i calamari gratinati al forno tutte le settimane! Per questo piatto è assolutamente consigliato utilizzare calamari molto freschi di dimensioni medio/grandi. Per la quantità necessaria a questa ricetta, la spesa non dovrebbe superare i 20/25€. La freschezza dei calamari è ciò che ne garantirà la morbidezza. Tuttavia, se il budget a disposizione è limitato, potete optare per quelli surgelati, con l’ accortezza di asciugarli molto bene prima di coprirli con la panatura e passarli al setaccio per eliminare il pangrattato in eccesso. In alternativa, potete anche utilizzare i totani, ancora più economici, tenendo però a mente che rimarranno un pochino meno morbidi, e il gusto non sarà così intenso. I calamari gratinati al forno vanno gustati appena sfornati, è così che sprigioneranno tutto il loro potenziale di consistenza, profumo sapore e perfetti!

Ingredienti per 4

  • Calamari grandi: 850 g
  • Semola: 6 cucchiai
  • Pangrattato: 2 cucchiai
  • Sale: q.b
  • Olio: q.b
  • Limone: q.b
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 20 minuti
  • Totale: 35 minuti
  • Calorie: 75 Kcal/100 g

Preparazione

1

Pulite i calamari: separate testa e tentacoli dal resto del corpo, togliete anche tutte le interiora. Conservate i tentacoli, li utilizzerete insieme al resto dei calamari. Togliete l’osso all’interno, una lisca trasparente dura.

2

Lavate sotto acqua corrente fredda, pulendo bene anche l’interno in cui possono rimanere dei residui di interiora e uova.

3

Asciugate molto bene i calamari con un panno da cucina pulito, se necessario utilizzatene più di uno. I calamari devono essere completamente asciutti.

4

Con l'aiuto di una forbice tagliateli ad anelli di circa 0,5 cm

5

Eliminate da ogni anello l'eventuale pelle.

6

Preparate in un piatto un mix con la farina di semola, il pane grattugiato e il sale, mescolate.

7

Passate tutti gli anelli nella panatura. Passate anche i tentacoli. Tutta la superficie, interna ed esterna, deve essere ricoperta, aiutatevi con le dita dove la panatura non si fissa da sola.

8

Trasferite i calamari in una teglia rivestita di carta forno.

9

Irrorate con un po' di olio e cuocete in forno statico a 180 °C per 20 minuti.

E’ bene controllare la cottura di tanto in tanto, poiché i forni non sono tutti uguali. Quando i calamari gratinati al forno saranno diventati appena dorati, sfornateli. Prolungare la cottura potrebbe renderli stopposi.

Una volta estratti dal forno, potete irrorarli spremendo del limone direttamente sopra, o servendo a tavola fette di limone su di un piattino, e lasciare che ognuno se ne serva.

Accessori

  • Forbici
  • panno da cucina
  • Teglia forno + carta forno
  • Forno
  • Ciotola capiente
  • Tagliere
  • 1 o più panni da cucina (canovaccio o carta assorbente)

Consigli e suggerimenti

  • Come avere calamari morbidi e non gommosi: acquistateli freschissimi e rispettate maniacalmente il tempo di cottura. Un minuto in più potrebbe già comprometterne la consistenza.
  • Come capire se i calamari sono freschi: hanno la pelle ben attaccata al corpo, i “ciuffetti” turgidi, il colore tendente al violaceo e profumano di mare. Se l’odore che emanano è simile all’ammoniaca, meglio rivolgersi altrove.
  • Acquistate i calamari dalla vostra pescheria di fiducia, chiedendo direttamente a loro di pulirli.
  • Se non trovate i calamari grandi potete acquistare quelli già tagliati.
  • E ‘possibile sostituire la panatura di semola passandoli nel pane tritato con aglio e prezzemolo, sale, pepe.

Conservazione

I calamari gratinati al forno si conservano al massimo per due giorni, in frigo, in contenitore chiuso. Per riscaldarli, usate una padella antiaderente, o il forno. Non utilizzate forno a microonde.