fbpx

Vincisgrassi, la ricetta del primo piatto marchigiano

La nostra ricetta per preparare il famoso vincigrassi, il famosissimo piatto della tradizione marchigiana.
vincigrassi ricetta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

I vincisgrassi sono una pasta fresca a più strati alternati con un delizioso ragù di carne mista e interiora, cotta in forno fino a fare una crosticina dorata. Ricetta tipica delle Marche e consumati in tutta la regione e nelle zone limitrofe, vengono preparati soprattutto per i grandi pasti della domenica o delle feste. Ogni famiglia tramanda la propria ricetta da generazione in generazione: qualcuno li prepara aggiungendo della besciamella, altri cambiando la carne del ragù, diversificando le interiora e aggiungendo le creste di gallo o alcuni pezzi di scarto della faraona. Alcune ricette prevedono anche l’uso del cervello di bovino. Nella nostra ricetta vi proponiamo una versione con polpa di manzo e fegatini di pollo, per un sapore molto intenso e deciso che renderà questo primo piatto ideale da essere servito a tutta la famiglia.

Ingredienti per 8 persone

  • Polpa di manzo macinata: 700 g
  • Fegatini di pollo: 300 g
  • Carota: 1
  • Sedano: 1 costa
  • Cipolla: 1
  • Passata di pomodoro: 1 litro
  • Olio extravergine d’oliva: 100 ml
  • Vino bianco da cucina: 100 ml
  • Chiodi di garofano: 1
  • Pasta per lasagne fresca: 600 g
  • Parmigiano Reggiano grattugiato: 200 g
  • Burro: 1 noce
  • Preparazione: 1 ora
  • Cottura: 2 ore, 45 minuti
  • Totale: 3 ore, 45 minuti
  • Calorie: 767 Kcal/porzione

Preparazione

1

Versate l’olio in un tegame ampio e mettete temporaneamente da parte. Nel frattempo, pelate la carota, pulite la cipolla e lavate il sedano, poi tritateli finemente con un coltello ben affilato.

2

Portate sul fuoco il tegame con olio e soffritto di verdure, cuocendo a fiamma bassa per circa 10 minuti. Aggiungete i fegatini di pollo e la carne di manzo e lasciare cuocere altri 10 minuti a fiamma media.

3

Sfumate con il vino bianco e aggiungete il sale.

4

Versate la passata di pomodoro e aggiungete il chiodo di garofano, poi lasciate cuocere a fiamma bassa per 1 ora e 30 minuti.

5

Lasciate poi raffreddare il sugo. Nel frattempo, imburrate una teglia 30x25. Appena il sugo sarà freddo, versatene due mestoli sul fondo.

6

Foderate la teglia con la sfoglia per lasagne e cospargerla con altri due o tre mestoli di sugo, per coprirne tutta la superficie. Spolverate con parmigiano grattugiato.

7

Proseguite allo stesso modo fino a formare almeno 7 strati di pasta e sugo, come vuole la tradizionale ricetta dei vincisgrassi. Cuocete poi in forno statico preriscaldato a 180° per circa 45 minuti, fino a che non si sarà formata una crosticina dorata. Servite subito.

Consigli e suggerimenti

Se usate la pasta fresca per lasagne non avrete bisogno di precuocerla, perché si cuocerà in forno amalgamandosi bene con gli ingredienti. Se, invece, usate pasta per lasagne secca, allora potete farle una sbollentata veloce prima di assemblare tutti gli ingredienti.

Conservazione

I vincisgrassi si possono conservare in frigo coperti da pellicola trasparente per 2 giorni al massimo. In alternativa potete assemblare gli ingredienti, cuocere in forno e congelarle tutto, consumando i vincisgrassi entro un mese. Al momento di doverli mangiare, tirateli fuori dal freezer e lasciateli scongelare in frigorifero per circa 6-7 ore, poi infornateli per riscaldarli.

Storia

Pare che i vincisgrassi furono inventati per onorare le gesta militari di un generale austriaco, Windisch Graetz, che aveva difeso strenuamente la città di Ancona durante un assalto da parte delle truppe di Napoleone Bonaparte, all’inizio dell’Ottocento. Un’altra versione racconta invece che siano stati inventati alla fine del Settecento da un cuoco marchigiano, Antonio Nebbia, nato a Macerata.