fbpx

Mont Blanc, il dolce Monte Bianco perfetto per l’autunno

Come preparare in casa il Mont Blanc, dolce con crema di castagne e panna, con consigli per gustose varianti.
Montblanc ricetta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Il Mont Blanc, chiamato anche Montebianco, è un delicato dessert a cucchiaio a base di castagne e panna montata. Il sapore tenue e leggermente salato della crema di castagne si sposa con la dolcezza della panna montata e con la golosità del cioccolato, per regalarvi un dolce perfetto per le tavole autunnali. Lo scrigno di crema di castagne sul piatto, assieme ai ciuffetti di panna e alle scagliette di cioccolato, simula la forma e l’aspetto del Monte Bianco, la celebre montagna a cavallo tra la Francia e l’Italia. Per questo il Mont Blanc è un dessert le cui origini si perdono tra le regioni meridionali della Francia e la Val d’Aosta italiana. Anche chi non preferisce particolarmente il sapore delle castagne si ricrederà all’assaggio di questa delizia cremosa, sapida e dolce allo stesso tempo. Avete appena fatto una bella raccolta di castagne e non vedete l’ora di usarle? Seguite la nostra ricetta per preparare un delizioso dessert per una cena romantica o una reunion tra amici!

Ingredienti per 4 persone

  • Polpa di castagne: 300 g (circa 800 g di castagne)
  • Latte intero: 500 g
  • Cacao in polvere: 20 g
  • Baccello di vaniglia: 1
  • Zucchero: 100 g
  • Sale fino: 1 pizzico
  • Sale grosso: 1 cucchiaino
  • Alloro: 1 foglia
  • Panna fresca liquida: 300 g
  • Zucchero a velo: 30 g
  • Scagliette di cioccolato fondente: 2 cucchiai
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 40 minuti
  • Totale: 1 ora, 10 minuti
  • Calorie: 562 Kcal/porzione

Procedimento

1

Lavate le castagne sotto acqua corrente e praticate un piccolo taglio sulla buccia con la lama di un coltellino.

2

Mettete le castagne incise in una pentola a pressione, copritele con l’acqua a filo, aggiungete 1 cucchiaino di sale grosso e una foglia di alloro e fatele cuocere per circa 30 minuti dal fischio della pentola a pressione.

3

Passati i 30 minuti di cottura spegnete il fuoco e aspettate che la valvola della pentola sfiati. A quel punto scolate le castagne e pelatele, privandole anche della pellicina interna.

4

Versate le castagne sbucciate in un tegame e ricopritele con il latte.

5

Incidete la bacca di vaniglia e prelevate i semi. Aggiungeteli nel pentolino, insieme allo zucchero e al pizzico di sale. Accendete il fuoco a fiamma alta e fate bollire per circa 10 minuti, mescolando continuamente.

6

A cottura ultimata frullate con un mixer a immersione, fino a ottenere una purea liscia.

7

Setacciate il cacao amaro in polvere e mescolatelo con il composto. Coprite con la pellicola e fate riposare l’impasto in frigorifero per almeno 30 minuti.

Composizione del dolce

1

Montate la panna con lo zucchero a velo, utilizzando uno sbattitore elettrico a velocità massima oppure una planetaria.

2

Trasferite la panna in una sac-à-poche o in una siringa per dolci, munita di bocchetta a stella, e create dei ciuffi di panna su un piatto da portata.

3

Prendete la polpa di castagne dal frigorifero e inseritela in uno schiacciapatate. Create una montagnola di castagne direttamente sui ciuffetti di panna.

4

Decorate la crema di castagne con altra panna montata, per creare l’effetto di una cima bianca, e guarnite a piacere con scaglie di cioccolato. (

Accessori

  • Pentola a pressione
  • Coltellino
  • Tegame
  • Schiacciapatate
  • Sac-à-poche con bocchetta a stella
  • Sbattitore elettrico o planetaria

Consigli e curiosità

Potete conservare il Mont Blanc in frigorifero, in un contenitore ermetico, per 2-3 giorni al massimo. Si consiglia di consumarlo circa 6-7 ore dopo la composizione, tendendolo in frigorifero.

Se volete rendere il vostro Mont Blanc ancora più goloso, provate a fare una piccola base di meringa alla francese e aggiungete alla crema di castagne circa 100 grammi di mascarpone. In alternativa, provate ad aggiungere sulla cima qualche marron glacé.

Se non possedete o non volete usare una pentola a pressione potete usare una casseruola normale, raddoppiando i tempi di cottura (60 minuti invece dei 30, da contare appena l’acqua inizia a bollire).

Storia

La ricetta del Montblanc compare per la prima volta nel celebre libro di Pellegrino Artusi, La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene del 1891. È probabile che la prima comparsa del Mont Blanc sia avvenuta verso la fine del Seicento, quando le castagne iniziarono a essere usate in pasticceria; altre ipotesi dicono che possa essere stato inventato alla corte dei Duchi di Savoia, in Piemonte.