Arrosto di tacchino: il secondo leggero che mette tutti d’accordo

L'arrosto di tacchino è un secondo piatto di carne ottimo per la domenica o per le grandi occasioni. Semplice da preparare in padella.
arrosto di tacchino
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

L’arrosto di tacchino, come quello di vitello, è un secondo di semplice preparazione, versatile e gustoso, adatto per tutta la famiglia ma anche per un pranzo importante perché si presenta molto bene esteticamente. Allo stesso tempo è un piatto economico e leggero, perché cucinato in casseruola con pochissimo olio. La fesa di tacchino non è un taglio costoso quindi viene incontro alle esigenze di tutte le tasche, ma è naturalmente saporita e anche molto salutare, perché fra le carni bianche è la più ricca di ferro.  La ricetta che vi propongo prevede l’uso di molti aromi, per esaltarne in sapore senza aggiungere grassi, e la cottura in casseruola con le verdure andrà a creare, a fine cottura, un fondo perfetto per essere frullato, in modo da avere una ricca salsina di accompagnamento. Vi basterà scegliere un contorno adatto alla stagione e porterete in tavola un arrosto delizioso in poco tempo e con poca spesa.

Ingredienti per 6 persone

  • fesa di tacchino: 1/2 Kg
  • spicchio di aglio: 1
  • rametto di rosmarino: 1
  • foglie di salvia: 1
  • foglia di alloro: 1
  • vino rosso: 1 bicchiere
  • carota: 1
  • scalogno: 1
  • sedano: 1 pezzetto
  • olio extravergine di oliva: 1 cucchiaio
  • sale e pepe: q.b
  • brodo vegetale: q.b
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 1 ora
  • Totale: 1 ora, 10 minuti
  • Calorie: 208 Kcal/100 g

Preparazione

1

Preparate un trito con aglio, rosmarino e salvia.

2

Prendete la fesa di tacchino, che avrete tolto dal frigo già da una mezz’ora, legatela (se questa operazione non era già stata fatta dal pollivendolo) e praticate un paio di buchi con la lama di un coltello nel lato corto della fesa, fino in fondo.

3

Riempite questi buchi con il trito aromatico, cospargendo poi anche la superficie della fesa con quello avanzato.

4

In una capiente casseruola fate scaldare il cucchiaio di olio EVO con la carota, il sedano, lo scalogno e la foglia di alloro per qualche minuto.

5

Poi aggiungete il tacchino e fatelo rosolare da ogni lato, a fuoco alto, per sigillare perfettamente la carne.

6

Cercate di girarla usando dei cucchiai di legno, senza bucarla, per non disperdere i succhi.

7

Quando la carne sarà tutta rosolata, dopo circa 5 minuti, bagnatela con il vino bianco e lasciatelo evaporare, poi abbassate la fiamma.

8

Aggiungete qualche cucchiaio di brodo vegetale, aggiustate di sale e pepe e lasciate cuocere l’arrosto con il coperchio per circa un’ora, girandolo di tanto in tanto e controllando che il fondo di cottura non si asciughi troppo, nel caso aggiungete altro brodo

9

A fine cottura, togliete l’arrosto dalla casseruola e lasciatelo riposare in caldo su un tagliere.

10

Togliete anche la foglia di alloro. Con il frullatore a immersione frullate il fondo di cottura in modo da ottenere una salsa cremosa. Se non avete il frullatore a immersione potete trasferire il tutto nel mixer o usare il passaverdure.