fbpx

Acquacotta: ricetta originale del piatto tipico delle terre toscane

Ripercorrendo le tradizioni contadine provate a realizzare l'Acquacotta con questa ricetta: una zuppa povera ma allo stesso tempo ricca di nutrienti
Acquacotta piatto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

L’Acquacotta è una zuppa di verdure con ingredienti che, per tradizione, venivano raccolti nei campi, variando molto a seconda della stagionalità: immancabili le cipolle, il sedano e il basilico da unire poi ai pomodori e, a seconda della stagione, la cicoria e le verdure di campo che potessero dar sapore. L’acquacotta viene servita tuttora con del pane di grano duro non salato e il tutto condito con del buon olio EVO; con l’aggiunta di formaggio locale per insaporire e poi di un bell’uovo in camicia sulla vetta per dare sostanza, è proprio un piatto completo e ricco. Non vi resta che provare l’Acquacotta toscana! Per ritrovare i sapori della terra provate anche la nostra Zuppa di lenticchie, un primo piatto a base di legumi e ideale con la pasta maritata.

Ingredienti per 2 persone

  • Pomodori pelati: 400 g
  • Sedano: 150 g
  • Uova: 2
  • Brodo vegetale: 300 ml
  • Cipolla: ½
  • Olio extra vergine di oliva: q.b.
  • Sale fino: q.b.
  • Prezzemolo: q.b.
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 50 minuti
  • Totale: 1 ora
  • Calorie: 280Kcal/100g

Preparazione

1

Affettare le coste di sedano, eliminando la base inferiore, e sciacquarlo abbondantemente sotto acqua corrente per eliminare eventuali residui di terra; ora tagliarlo a rondelle includendo anche le sue foglie.

2

Pulire la cipolla, rimuovendo la pellicina esterna, e tritarla grossolanamente con l'aiuto di un coltello. Prendere una padella, versare un filo di olio extra vergine di oliva, aggiungere la cipolla tritata e fare rosolare a fuoco medio qualche minuto.

3

Aggiungere anche le rondelle il sedano una volta che la cipolla sarà imbiondita.

4

Prendere un mestolo di brodo vegetale e versarlo all'interno della padella; lasciare stufare le verdure con il coperchio a fuoco medio per circa 10 minuti.

5

A questo punto aggiungere i pomodori pelati ed il restante brodo; mescolare gli ingredienti e aiutandosi con il mestolo, spezzettare i pomodori. Coprire la pentola con il coperchio e lasciare cuocere a fuoco basso per circa 40 minuti, mescolando di tanto in tanto per evitare che il sugo asciughi troppo.

6

Controllare la consistenza del sugo ed eventualmente aggiungere del sale. Prendere le uova e romperle direttamente all'interno della padella.

7

Coprire con un coperchio e far cuocere il tutto, a fuoco basso, per altri 5 minuti.

8

Una volta cotte le uova, spegnere il fuoco e servire l'Acquacotta su un piatto da portata con delle foglie di prezzemolo come guarnizione.

Accessori

  • Padella antiaderente con coperchio
  • Tagliere
  • Un coltello
  • Un mestolo

Consigli e suggerimenti

  • Si possono facilmente creare delle varianti a partire dalle verdure utilizzate come i cavoli, le erbette, le zucchine oppure le carote; e perché no, arricchite la vostra Acquacotta con i funghi.
  • Se preferite un gusto più deciso provate ad aggiungere un pizzico di peperoncino al momento della cottura del sedano e delle cipolle; altrimenti insaporitelo aggiungendo altre spezie e aromi a vostro piacimento.
  • Quando la stagione lo consente potete utilizzare, al posto dei pelati, dei pomodori ben maturi sbianchiti in acqua bollente e privati della buccia. 
  • Non avrete bisogno di togliere i filamenti del sedano perché grazie alla lunga cottura non si sentiranno nel piatto finito.
  • Aggiungendo il brodo alle verdure il risultato non sarà un soffritto perché la cipolla perderà la sua aggressività e risulterà più digeribile; a questo proposito seguite la ricetta del Brodo vegetale, una ricetta classica per dare un tocco ricco al piatto. Se desiderate un brodo più saporito potrete optare per quello di pollo.

Conservazione

Possiamo conservare l’Acquacotta in frigorifero per massimo 2/3 giorni, all’interno di un contenitore ermetico; in questo caso l’uovo sarebbe meglio aggiungerlo al momento della consumazione.

Storia

Questo antico piatto ha origine in Maremma per poi diffondersi non solo in Toscana e nel Lazio ma anche nelle Marche per effetto della transumanza. L’Acquacotta è quindi un piatto povero tipico delle terre toscane; i contadini e i pastori erano soliti consumarla di ritorno dalla campagna e racchiude tutti i tesori dell’orto.

Questa preziosa zuppa dava un buon apporto di proteine, vitamine e minerali grazie alle uova; il sedano è utile per un buon apporto di fibre e acqua, aiutando la depurazione dell’organismo. Venivano poi aggiunti ingredienti in grado di dare consistenza alla zuppa e aumentarne il potere nutrizionale come la cotenna di maiale o il lardo. In Puglia si realizza questa pietanza con fagioli, pomodori secchi, zucchine secche, cime di rapa e ovviamente le uova: un piatto povero ma davvero ricco di saggezza e sapienza delle nonne.