Zucchine alla scapece

Le zucchine alla scapece sono una preparazione tipica del sud Italia, in particolare di Napoli, che prevede la frittura di fette di zucchine tagliate sottili e la loro conservazione sotto aceto. Il preparato viene inoltre arricchito e insaporito con aglio e menta. Insomma, un piatto per chi ama i sapori decisi, da proporre sia come […]

  • Tempo di preparazione
  • Tempo di cottura:
  • Porzioni: 8 persone
  • Calorie: 250 Kcal/porzione
  • Ingredienti

  • Zucchine scure: 1 Kg
  • Olio extravergine di oliva (oppure olio di semi): 1/2 l
  • Menta fresca: 1 mazzetto (in alternativa prezzemolo, basilico, timo, origano)
  • Aglio: 4 spicchi
  • Aceto bianco: 4 cucchiai
  • Sale: q.b
  • Pepe o peperoncino: q.b.

Le zucchine alla scapece sono una preparazione tipica del sud Italia, in particolare di Napoli, che prevede la frittura di fette di zucchine tagliate sottili e la loro conservazione sotto aceto. Il preparato viene inoltre arricchito e insaporito con aglio e menta. Insomma, un piatto per chi ama i sapori decisi, da proporre sia come antipasto che come contorno.

Utilizzare le zucchine scure, possibilmente non troppo grandi, in modo che non abbiano i semi all’interno.

La preparazione è davvero semplice e l’ideale sarebbe lasciarla riposare qualche ora, meglio un giorno intero, prima di gustarla. Le zucchine alla scapece sono anche un ottimo modo di conservare le zucchine in eccesso, magari quelle del vostro orto, in quanto si conservano in frigorifero, in un contenitore a chiusura ermetica, per diversi giorni.

L’origine del nome del piatto è spagnolo: la parola scapece deriva dallo spagnolo escabeche, che significa marinatura con aceto.

Procedimento:

1Con una mandolina affettate le zucchine molto sottili, un paio di millimetri circa. Potete anche farlo con un coltello, ma ci vorrà un po’ più di tempo.

2Friggetele poche per volta in abbondante olio di oliva finché non saranno dorate. Utilizzate una padella a bordi alti, le zucchine devono immergersi nell’olio. Con poco olio, le zucchine risulterebbero stufate e non ben fritte. Scolatele con una schiumarola e adagiatele su della carta da cucina, in modo che perdano l’olio in eccesso. Se preferite, potete usare, in alternativa, un olio di semi per friggere.

3Nel frattempo preparate la marinatura, mescolando l’aceto bianco, l’aglio tagliato a fettine sottili, la menta tritata ed un pizzico di sale. Dopo aver fritto le zucchine, unite alla marinatura anche 5 cucchiai dell’olio utilizzato. Per aromatizzare ulteriormente, aggiungere peperoncino o pepe.

 

4A questo punto non vi resta che disporre a strati le zucchine, irrorandone ciascuno con un poco della marinata. In alternativa, potete anche mettere insieme tutti gli ingredienti, senza formare gli strati. In entrambi i casi, l’importante è utilizzare un contenitore a chiusura ermetica, in vetro o in plastica.

5Utilizzando delle piccole arbanelle in vetro, potrete ottenere una presentazione più carina, da portare direttamente in tavola.

Servitele fredde.

 

Varianti alla ricetta tradizionale

Metodo di cottura alternativo

Per una versione più leggera della scapece, cuocere le zucchine, dopo averle tagliate a fettine e unte leggermente, in forno ventilato a 200 gradi finché non risultano croccanti (15 minuti circa). Sembreranno delle chips di zucchine.

Inoltre è possibile preparare le zucchine alla piastra, tagliandole a fettine sottili per il lungo. Se possibile, prima di farle cuocere sulla griglia (anche in padella), tagliatele, mettete un po’ di sale e lasciatele riposare su un foglio di carta assorbente, in modo che rilascino il liquido in eccesso.

Marinatura diversa

Le zucchine alla scapece si prestano per diversi tipi di marinatura, a seconda dei propri gusti: al posto della menta è possibile utilizzare il prezzemolo, il basilico, il timo o l’origano o una combinazione di questi.

Da ricordare che esiste un altro modo, diverso dal metodo scapece, per preparare le zucchine, ovvero in carpione.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *