Astice alla catalana, antipasto per le feste

Le festività si avvicinano e spesso nei menù dei ristoranti si trova l’astice alla catalana. Non conoscendo la ricetta mi sono subito informata e ho deciso di riproporlo a casa, alla mia famiglia, seguendo una ricetta il più semplice possibile. In barba al nome, l’astice alla catalana è un piatto tipico sardo, così chiamato perché […]

  • Tempo di preparazione
  • Tempo di cottura:
  • Porzioni: 2 persone
  • Calorie: 218 kcal/100 g
  • Ingredienti

  • Astici: 2
  • Sedano: 1 costa
  • Cipolla: 1
  • Pomodorini: 5
  • Patate: 2
  • Carota: 1
  • Peperone: 1
  • Prezzemolo: 1 mazzetto
  • Olio evo: q.b.
  • Succo di limone: 1
  • Sale: q.b.
  • Pepe: q.b.

Le festività si avvicinano e spesso nei menù dei ristoranti si trova l’astice alla catalana. Non conoscendo la ricetta mi sono subito informata e ho deciso di riproporlo a casa, alla mia famiglia, seguendo una ricetta il più semplice possibile.

In barba al nome, l’astice alla catalana è un piatto tipico sardo, così chiamato perché per un certo periodo di tempo questa terra è stata governata dai catalani. In commercio esistono esemplari di diverse dimensioni, ma i migliori sono quelli più piccoli. L’astice può infatti raggiungere i 60 cm di lunghezza. Questo spiega perché viene chiamato elefante di mare, ma è importante sapere che con l’aumentare della dimensione la polpa tende a farsi filamentosa.

Per le dosi, calcolate che se servito come antipasto, un astice da 600 g basterà per un paio di persone, se desiderate servirlo come secondo le dosi andranno aumentate considerevolmente.

Procedimento:

1Riempite una pentola capiente di acqua, salarla e una volta raggiunto il bollore, calate gli astici e cuocete per 20 minuti. Scolate e lasciate raffreddare.

2Nel frattempo dedicatevi alla preparazione delle verdure. La prima cosa da fare è cuocere le patate intere senza buccia in acqua salata. Una volta pronte, scolatele e tagliatele a cubetti.

3Affettate sottilmente, aiutandovi con una mandolina, carota, sedano e peperoni. Tagliate a cubetti il pomodoro, tritate la cipolla e il prezzemolo. Riunite tutte le verdure con le patate, aggiungete un pizzico di sale e un filo di olio.

4Estraete la polpa dalla chele rompendole con un martelletto e unitela alle verdure.

5Incidete con un coltello robusto il corpo dell’astice, rimuovete il filamento dell’intestino e il sacchetto della sabbia, quindi staccate delicatamente la polpa. Rimettetela nel guscio, aggiungete le verdure e completate con un’emulsione fatta con olio, limone, sale e pepe.

Beatrice Piselli

Ciao! Mi chiamo Beatrice e scrivo prevalentemente di cucina vegetariana e vegana prestando particolare attenzione alla stagionalità degli ingredienti. Trascorro molto tempo in cucina a studiare nuovi piatti e a fotografarli, così da poter trasmettere nel migliore dei modi tutto il mio amore per ciò che cucino.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.