fbpx

Vellutata di porri, cremosa e saporita

La nostra ricetta per preparare una deliziosa vellutata di porri. Una ricetta adattissima a riscaldare le fredde serate invernali.
Vellutata di porri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La vellutata di porri, oltre alla possibilità di essere preparata con altri ortaggi, ci permette di consumare le verdure in una veste diversa e saporita. Possiamo infatti accompagnarla con dei classici crostini di pane, ma anche con speck, pancetta croccante o gamberi gratinati. Queste sono solo alcune idee a cui potrete ispirarvi, dato che il sapore finale della vellutata sarà delicato e facilmente abbinabile ad altri ingredienti. Spesso si fa confusione tra creme e vellutate. Le vellutate sono preparate con un tipo di verdura cui si aggiungono le patate per addensare la preparazione. In questa ricetta inoltre le patate aiutano anche a smorzare il sapore dei porri. Le creme invece sono semplicemente realizzate con verdura frullata ed eventualmente aggiunta di latte.

Ingredienti per 2

  • Porri: 200 g
  • Patata: 300 g
  • Brodo vegetale o acqua: 200 ml
  • Sale : q.b
  • Olio Evo: q.b
  • Vino bianco: q.b
  • Crostini di pane: q.b
  • Preparazione:
  • Cottura:
  • Totale:
  • Calorie: 135 Kcal/100 g

Preparazione

1

Pulire i porri: tagliare la cima delle foglie verdi, poiché più dure, e la base con le radici. Rimuovere la prima guaina esterna. Sciacquare sotto acqua fresca, tamponare con un foglio di carta assorbente e tagliare il porro a rondelle.

2

In un tegame scaldare un filo d’olio a fuoco medio, aggiungere le rondelle di porro e far rosolare.

3

Nel frattempo sbucciare le patate con un pelapatate o con un coltello, rimuovere le parti ammaccate. Sciacquare sotto acqua corrente, e tagliare a cubetti piccoli. Aggiungere le patate ai porri. Mescolare per fare rosolare. Sfumare con il vino bianco.

4

Dopo un paio di minuti, quando il vino è evaporato (e la preparazione inizia ad asciugarsi), aggiungere il brodo vegetale, coprire con coperchio, e continuare la cottura a fuoco basso, per circa 30 minuti. Verificare la cottura controllando con una forchetta la consistenza delle patate. Il tempo di cottura dipende dallo spessore delle verdure.

5

A cottura avvenuta, frullare il tutto nel mixer. Aggiustare di sale e aggiungere eventualmente un bicchierino di latte o acqua, se la crema risultasse troppo densa. Questa operazione è facoltativa in base alla consistenza che desiderate per la vostra vellutata. Servire la vellutata calda, con un filo d’olio, e accompagnando con i crostini di pane.

Accessori

  • Tagliere
  • Coltello
  • Pela patate
  • Tegame
  • Mixer

Conservazione

Conservare la vellutata di porri in contenitore chiuso in frigo per 2-3 giorni. I porri si conservano invece in frigo o in un posto fresco e buio, per  una settimana circa e lasciandoli interi in un sacchetto di carta.

Curiosità e suggerimenti

  • Possiamo accompagnare la vellutata con striscioline di speck o prosciutto croccante, lasciato abbrustolire in padella antiaderente.
  • Il porro appartiene alla famiglia delle Liliacee, la stessa di aglio e cipolla, con cui condivide un sapore simile ma più delicato, ecco perché può essere usato al posto della cipolla nei soffritti, brodi, crudo (tagliato sottile nel pinzimonio) o cotto.
  • Le foglie che vengono scartate nella fase di pulizia possiamo usarle per brodi o zuppe.
  • All’acquisto scegliamo porri con gambi sodi, dritti, con foglie verdi senza ammaccature o ingiallimenti.