fbpx

Semifreddo al torrone, idea per il dessert delle feste

La ricetta del semifreddo al torrone bianco con cioccolato fondente, il dolce perfetto per il pranzo di Natale (e non solo)!
semifreddo al torrone ricetta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Siete in cerca di idee per il dolce da servire alla fine del pranzo di Natale? Assieme al pandoro e al panettone avete voglia di presentare qualcosa di fresco, cremoso e sfizioso? Seguite la nostra ricetta del semifreddo al torrone! Un dessert allo stesso tempo morbido e croccante, dal sapore di caramello, frutta secca e cioccolato, con una base di torrone bianco, panna e cioccolato fondente, forse non troppo light, ma sicuramente godurioso e perfetto per chiudere in bellezza un pranzo impegnativo, accompagnato da una tazzina di caffè o da un sorso di Vinsanto o una grappa al miele.

Ingredienti per 8 persone

  • Cioccolato fondente: 130 g
  • Tuorli: 2
  • Zucchero: 70 g
  • Acqua: 40 g
  • Panna fresca: 250 ml
  • Torrone bianco: 230 g
  • Panna: 100 ml
  • Preparazione: 1 ora
  • Cottura: 10 minuti
  • Totale: 1 ora, 10 minuti
  • Calorie: 311 Kcal/porzione

Per la pate à bombe

1

Versate l’acqua e lo zucchero in un pentolino e portate sul fuoco a fiamma bassa. Misurate la temperatura dello sciroppo con un termometro da cucina finché non raggiungerà i 121°.

2

Nel frattempo versate i tuorli in una ciotola e iniziate a sbatterli con uno sbattitore elettrico a velocità media.

3

Appena lo sciroppo arriva a 121°, spegnere il fuoco e versarlo a filo nei tuorli continuando a montare a velocità massima, fino a raffreddamento. Il composto dovrà risultare chiaro, gonfio e spumoso.

Per il semifreddo

1

Mettete una ciotola di vetro o acciaio in frigorifero per due ore o in congelatore per circa mezz’ora.

2

Tritate il cioccolato fondente e il torrone bianco con un coltello.

3

Versate la panna, tenuta in frigorifero,nella ciotola che avete fatto raffreddare.

4

Montatela con uno sbattitore elettrico alla massima velocità, finché sarà lucida e ben montata.

5

Unite metà della panna montata alla pate à bombe mescolando con una spatola con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare il composto.

6

Aggiungete l’ultima parte e mescolate sempre dal basso verso l’alto.

7

In ultimo versate il torrone e il cioccolato tritati.

8

Foderate uno stampino da plumcake da 20x10 cm con la pellicola alimentare.

9

Versate il composto nello stampino e mettete in freezer per almeno 8 ore.

Per la ganache al cioccolato fondente

1

Versate la panna in una ciotola e scaldarla al microonde per 1 minuto, oppure in un pentolino sul fornello a fiamma bassa per 3 minuti, fino a sfiorare il bollore.

2

Nel frattempo tritate il cioccolato fondente.

3

Versate il cioccolato tritato nella panna e amalgamate con una spatola fino a che il composto sarà liscio, vellutato e lucido.

Per la decorazione

1

Sformate delicatamente il semifreddo su un piatto da portata e rimuovere la pellicola.

2

Tritate il torrone e decorare il semifreddo con qualche cucchiaio di ganache e il torrone tritato

3

Servire con la salsa al cioccolato calda o tiepida.

Accessori

  • Pentolino dal fondo spesso
  • Termometro da cucina
  • Sbattitore elettrico
  • Spatola
  • Ciotola
  • Stampo da plumcake 20×10
  • Pellicola alimentare

Consigli e suggerimenti

Il semifreddo al torrone si può conservare in freezer e va consumato entro 1 mese.

Se non volete usare uova crude, potete pastorizzarle: montate i tuorli in una ciotola con le fruste elettriche mentre effettuate una cottura a bagnomaria, quindi con una pentola di acqua bollente sotto la ciotola. Montate le uova misurando la temperatura con un termometro da cucina. Le uova sono pastorizzate quando arrivano a una temperatura di 60-65°.

Potete anche utilizzare cioccolato bianco, crema di gianduia o crumble di nocciole per il topping.

Storia

Il semifreddo al torrone è un dolce diffuso in tutta Italia, ma è probabile che la sua origine sia cremonese: si racconta, infatti, che a Cremona fu inventato il torrone in onore delle nozze di Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza nel 1441, impastando albumi, miele e mandorle per ottenere un dolce che chiamarono “torrone” in onore del Torrazzo, il campanile del Duomo.