fbpx

Piña Colada, la ricetta del cocktail all’ananas

La Piña Colada è il long drink che sa di tropicale. Il suo sapore fruttato, dolce e allo stesso tempo dissetante ha conquistato moltissime persone nel mondo.
Cocktail pina colada
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Se vi dicessimo Puerto Rico, ananas, cocco e rum? Chiaramente non può che essere il celebre cocktail Piña Colada. Sorseggiata a bordo piscina, in riva al mare o semplicemente a casa come aperitivo o dopocena. La Piña Colada è di facile preparazione e richiede soltanto una piccola accortezza: l’ananas deve essere ben maturo ed è meglio evitare succhi industriali e di scarsa qualità. Meglio armarsi di un frullatore (o meglio ancora un estrattore) e 10 minuti di pazienza per un risultato spumoso e da leccarsi i baffi. Ecco come preparare l’intramontabile Piña Colada, per fare un tuffo nei suadenti sapori tropicali.

Ingredienti

  • Rum bianco: 50 ml
  • Succo di ananas: 90 ml
  • Ananas maturo: 172
  • Latte di cocco o crema di cocco (es. Naty’s): 30 ml
  • Ghiaccio tritato
  • Per guarnire: una fetta di ananas con ciuffo e una ciliegina al maraschino
  • Preparazione: 5 minuti
  • Cottura:
  • Totale: 5 minuti
  • Calorie: 174 Kcal/100 g

Preparazione

1

Inserire nel frullatore la polpa a pezzi di mezzo ananas ben maturo. Versare il resto degli ingredienti: il succo d’ananas, il rum bianco, la crema di cocco e il ghiaccio.

2

Frullare il tutto per pochi secondi.

3

Versare in un bicchiere alto e capiente (l’ideale è il ‘Hurricane glass’ dalla forma curvata)

4

Guarnire il bicchiere con una fettina di ananas, un pezzetto del suo ciuffo e una ciliegia al maraschino e servire.

Accessori

  • Bicchiere tipologia ‘Hurricane’ (altrimenti un bicchiere alto e capiente)
  • Frullatore o estrattore
  • Jigger (se ne disponete, aiuta a dosare gli ingredienti)
  • Ombrellino da cocktail, per un tocco vacanziero

Consigli e suggerimenti

Per preparare una dissetante Piña Colada non serve essere barman esperti. Basta fare attenzione ad alcuni accorgimenti molto semplici. Eccoli:

  • L’ananas frullato serve per rendere cremoso e ancor più saporito il cocktail. Assicuratevi però che sia ben maturo, altrimenti risulterà più acido e meno saporito.
  • Potete aggiungere un po’ di succo di lime per rendere un sapore meno dolce e più equilibrato
  • Attenzione alla quantità di ghiaccio che inserite. Non deve essere troppo, altrimenti il drink risulterà più una granita e dal gusto troppo diluito.
  • Se non avete la crema di cocco potete utilizzare il latte di cocco: zuccheratelo in modo da addensarlo e rendere la Piña Colada più cremosa

Storia

Anche se qualche dubbio permane ancora oggi sulla reale nascita della Piña Colada, resta una la versione ufficiale. Il padre di questo gustoso cocktail sarebbe Don Ramon Portas Mingot che a Porto Rico, nel 1963, avrebbe ideato una bevanda dissetante con ananas, cocco e rum.

Si racconta che gli avventori americani che popolavano l’isola in cerca di relax e divertimento se ne innamorarono, contribuendo a farlo diventare famoso anche fuori dai confini portoricani. Oggi è tra i cocktail più conosciuti e amati al mondo, soprattutto in estate.

Conclusione

Non resta che dotarsi di un buon ananas e il frullatore per dare inizio alla preparazione del cocktail ufficiale di Porto Rico. Aromatico e dissetante, è sicuramente il long drink giusto da servire ai vostri ospiti in una calda serata estiva o durante il vostro aperitivo a bordo piscina.