fbpx

Parmigiana di melanzane

La parmigiana di melanzane è in assoluto uno dei piatti più buoni al mondo che riscuote un successo planetario. E’ inverosimile che qualcuno non ne apprezzi il gusto e l’intensità
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La parmigiana di melanzane è in assoluto uno dei piatti più buoni al mondo che riscuote un successo planetario. E’ inverosimile che qualcuno non apprezzi il gusto, l’intensità e il sapore di questa ricetta che risale alla notte dei tempi e che ha origine dalla “Sicilia bedda” terra di sole, mare, profumi e calore. In verità le origini della parmigiana sono controverse, perché più regioni d’Italia se ne contendono l’appartenenza: dalla Campania all’Emilia Romagna. Ma l’ipotesi più accreditata e reale è che la paternità della ricetta sia della Sicilia. Il termine parmigiana, non tragga in inganno perché Parma non c’entra nulla! Molto probabilmente questo termine deriverebbe dalla particolare disposizione delle melanzane disposte a scaletta che le fa assomigliare nella forma ad una persiana, “parmiciana” dal latino “parma” (scudo), con cui sono chiamate le liste di legno. Inoltre il nome di questa ricetta, potrebbe derivare più verosimilmente dalla parola araba “al-badingian” che significa melanzana. Nelle lingue semitiche “p” e “b” si pronunciano allo stesso modo. La parmigiana di melanzane si può realizzare anche con melanzane grigliate e non fritte, ed è questo modo di cuocerla che vi andremo a spiegare. Infatti, contrariamente a quanto vuole la tradizione, si può cuocerla anche in padella. Prepariamo insieme questo piatto ricco di gusto tipico della nostra tradizione, rivisitato…

Ingredienti per 4 persone

  • Melanzana: 1
  • Passata di Pomodoro: 500 ml
  • Formaggio filante: 100 g
  • Formaggio grattugiato: 100 g
  • Aglio: 1 spicchio
  • Olio Evo: 1 cucchiaio
  • Preparazione: 20 minuti
  • Cottura: 40 minuti
  • Totale: 60 minuti
  • Calorie: 445 Kcal/100 g

Preparazione

1

Come prima cosa lavate le melanzane e privatele delle estremità. Affettatele dello spessore di 3 millimetri, aiutandovi con un mandolina.

2

Quindi grigliatele su una piastra rovente 2-3 minuti per lato.

3

nel frattempo, in una padella a parte mettete ad insaporire l’aglio, due cucchiai di olio e la passata di pomodoro

4

Lasciate cuocere una decina di minuti finchè non si sarà addensata, quindi regolate di sale.

5

Ora che tutti gli ingredienti sono pronti possiamo dedicarci alla preparazione del piatto

6

Come vi dicevo, la mia versione della parmigiana prevede, oltre alla sostituzione delle melanzane fritte con quelle grigliate, la cottura in padella anzichè nel forno. Questo passaggio conferirà al piatto un gusto unico, dovete assolutamente provarlo!

7

In una padella antiaderente del diametro di circa 25 centimetri, stendete un velo di pomodoro, quindi disponete le melanzane e coprite con un altro strato di salsa.

8

Aggiungete una manciata di formaggio grattugiato e il formaggio filante affettato.

9

Coprite con le melanzane e procedete così realizzando altri due strati di melanzane.

10

Completate con una generosa spolverata di formaggio e cuocete a fuoco molto basso per circa mezz’ora. Lasciatela riposare prima di servirla.

Curiosità

Se desiderate, potete passare le fette di melanzane in un uovo sbattuto e poi nella farina, quindi friggerle e realizzare con queste la vostra parmigiana. Potete anche cuocerla in forno, a 200°C per 35-40 minuti.

Conservazione

La parmigiana cotta si conserva in frigo per un massimo di 2 giorni. Si può congelare dopo la cottura, magari già divisa in porzioni, e scongelare in frigorifero all’occorrenza prima di scaldarla.

Consigli utili e varianti

Per una parmigiana perfetta potete utilizzare qualsiasi tipo di melanzana, da quelle viola ovale a quella lunga. L’importante e che siano belle sode e non abbiano troppi semini. Non è necessario spurgare, perché oggi come oggi sono molto meno amare che in passato. Se lo volete fare, ricordatevi di tamponare bene le fette.

Per quel che riguarda i formaggi da inserire potete spaziare dal caciocavallo come si usa in Sicilia o in Calabria o il parmigiano reggiano. Per quanto riguarda le varianti: c’è chi le melanzane le infarina o le passa nelle uova, oppure fa entrambe le cose. Per aumentare la squisitezza del piatto potete aggiungere dei salumi come: mortadella o prosciutto cotto e le uova sode.