fbpx

New York Cheesecake di California Bakery, la torta golosa made in USA

La ricetta per la New York Cheesecake, un classico della cucina americana con una variante italiana!
California Bakey
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La cheesecake è un dolce dalle origini antichissime, apprezzato da tutti coloro che sono amanti dei formaggi freschi. Un cuore morbido di crema dolce, la base croccante di biscotti, le salse deliziose che l’accompagnano: la cheesecake è un dessert gustosissimo da servire a fine pasto o per colazione. Ne esistono tantissime varianti: cotta o senza cottura, con la glassa, ricoperta di gelatina alla frutta o alla vaniglia, ma anche diversificata per nazione. In Irlanda, per esempio, si propone la versione al Baileys, mentre in Asia si utilizza la polvere di tè matcha o il mango; in Polonia il formaggio utilizzato è il twarog, mentre in Islanda si usa lo skyr. Noi oggi vi proponiamo una versione della New York Cheesecake con formaggi tipicamente italiani: robiola e ricotta vaccina, con aggiunta di panna e yogurt bianco, da cuocere al forno e gustare guarnita da salse cremose alla frutta o al cioccolato.

Ingredienti per stampo 22 cm

  • Biscotti secchi tipo Digestive: 150 g
  • Burro: 100 g
  • Cannella in polvere: 5 g
  • Robiola: 300 g
  • Ricotta vaccina: 400 g
  • Zucchero a velo: 200 g
  • Panna fresca: 150 ml
  • Yogurt bianco: 50 g
  • Uova medie: 3
  • Farina: 5 g
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura:
  • Totale: 30 minuti
  • Calorie: 203 Kcal/porzione

Preparazione

1

Accendete il forno, impostandolo su statico a 160°.

2

Fondete il burro nel microonde per 20 secondi.

3

Inserite i biscotti secchi in un mixer e frullateli per qualche secondo: devono restare abbastanza grossolani.

4

Unite il burro sciolto e la cannella in polvere. Attivate nuovamente il mixer e frullate il tutto, fino a ottenere un composto abbastanza omogeneo.

5

Ungete leggermente la tortiera con il burro.

6

Distribuite sul fondo e sui lati della tortiera il composto di biscotti, burro e cannella, premendo con le mani per far aderire bene il tutto.

7

Riponete la tortiera in frigorifero per almeno 30 minuti.

8

Preparate la crema inserendo in una ciotola la robiola, la ricotta e lo yogurt. Mescolate con una frusta per dolci o con una forchetta.

9

Unite lo zucchero a velo e i semi della ½ vaniglia, che avrete ottenuto incidendo la bacca e raschiandone l’interno. Grattugiate anche la buccia del limone e mescolate il tutto. (

10

Aggiungete un uovo, mescolate per amalgamarlo. Proseguite con le altre due uova, aggiungendole una alla volta. Unite poi la panna, la farina setacciata e mescolate bene il composto fino a renderlo cremoso e omogeneo.

11

Prendete la tortiera con la base e versate al suo interno il composto.

12

Infornate e cuocete per circa 1 ora, a seconda della potenza del vostro forno. Il colore del ripieno deve risultare leggermente brunito.

13

Sfornate la cheesecake e lasciatela raffreddare completamente, ci vorranno circa 4-5 ore. Non preoccupatevi se all’inizio vi sembrerà ancora un po’ molle, raffreddandosi si rassoderà! Rimuovetela poi dallo stampo con molta attenzione. Se non la consumate subito, riponetela in frigo.

14

Spolverizzate di zucchero a velo appena prima di servirla.

Accessori

  • Mixer o robot da cucina per frullare
  • Tortiera tonda da 22 cm, preferibilmente a cerniera
  • Ciotola
  • Spatola per dolci
  • Frusta per dolci

Consigli e suggerimenti

La cheesecake si può conservare in frigorifero per circa 2-3 giorni, in una tortiera coperta. In alternativa può anche essere congelata e consumata entro 1 mese.

Potete servire la vostra cheesecake con salsa ai frutti di bosco oppure frutti freschi, cioccolato fuso, caramello. Potete usare anche marmellata di fragole o di lamponi.

Per un risultato ancora più goloso, aggiungete un pizzico di sale alla base di biscotti, burro e cannella.

Storia

Nonostante la versione moderna della cheesecake sia nata in America, in realtà alcune versioni di un dolce molto simile esistevano già all’epoca dell’Antica Grecia: durante le Olimpiadi, infatti, gli atleti erano soliti mangiare torte a base di miele e formaggio, per riprendersi dalle fatiche degli sport. Anche i Romani ne consumavano in quantità, ma in forma diversa: la chiamavano “placenta” e creavano due dischi di pasta cotta con al centro del formaggio addolcito con miele e spezie. La versione moderna della cheesecake nasce alla fine dell’Ottocento, inventata da James Kraft, un produttore lattiero-caseario ancora celebre grazie all’azienda che porta il suo nome e che oggi produce Philadelphia, Sottilette, ketchup e molto altro.