fbpx

Funghi al forno, ricetta facile con gli Champignon

Parliamo dei Funghi al forno: quel contorno dall'aroma inconfondibile, morbido e anche ricco di proprietà nutrienti
Funghi al forno piatto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Morbidi e dall’inconfondibile profumato, i Funghi al forno sono un contorno facile da preparare, ma dall’ottimo risultato garantito. Sono perfetti da abbinare a Secondi piatti di terra, come le intramontabili Polpette di carne, oppure a scaloppine o salsicce gustose. In questa ricetta utilizziamo gli Champignon, o Prataioli, ma nulla vieta l’utilizzo di altre varietà di fungo. Se presentati insieme alle patate al forno, poi, tirerete per la gola tutti i vostri invitati. Non tutti lo sanno, ma i funghi sono ottimi anche per pasti dietetici, visto il loro basso apporto di calorie. Vediamo come realizzare i Funghi al forno insaporiti con il mix di prezzemolo, olio e aglio.

Ingredienti per 4 persone

  • Funghi Champignon: 8
  • Aglio: 1 spicchio
  • Olio Extra Vergine di Oliva: 4 cucchiai
  • Limone: 1 non trattato
  • Prezzemolo: 1 mazzetto
  • Sale: q.b.
  • Pepe nero: q.b.
  • Preparazione: 20 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Totale: 50 minuti
  • Calorie: 120 Kcal/100 gr circa

Preparazione

1

Per iniziare, pulire i funghi: eliminare il gambo facendo una leggera pressione con le dita e, a partire dal punto in cui è stato staccato il gambo, togliere delicatamente la pellicina su tutta la calotta del fungo.

2

In una teglia da forno (o pirofila) versare un cucchiaio di Olio EVO ben distribuito e sistemare all'interno i funghi rivolti con la calotta verso il basso.

3

Grattugiare direttamente sui funghi la buccia del limone, salare e pepare.

4

In una ciotola a parte, inserire il prezzemolo ben tritato, l'aglio grattugiato, l'Olio restante e mescolare con un cucchiaino per amalgamare bene il composto.

5

Con il cucchiaino, versare all'interno di ogni fungo il mix di olio, prezzemolo e aglio preparato, fino a riempirli tutti.

6

Cuocere in forno statico preriscaldato a 200°C per 25/30 minuti circa e servire.

Accessori

  • Una pirofila o teglia da forno
  • Una ciotola
  • Un tagliere
  • Un coltello affilato
  • Una grattugia
  • Un cucchiaino

Consigli e suggerimenti

  • Per un gusto più intenso, potete optare per la cottura in forno dei funghi Cremini dal colore nocciola, oppure dei funghi Portobello che hanno grandi dimensioni. Anche i funghi Pleurotus (chiamati anche ‘orecchione’) si prestano benissimo a questa ricetta con la loro consistenza carnosa e il sapore delicato.
  • Per la pulizia dei funghi vi consigliamo di togliere la pellicina presente sulla calotta per eliminare con certezza tutte le impurità presenti sul fungo. In alternativa, se si vuole mantenere la pellicina, serve spazzolarli molto bene e passarli con un panno leggermente umido in modo da pulirli al meglio.
  • Evitare di bagnare i funghi sotto acqua corrente perché assorbirebbero subito troppa acqua vista la loro consistenza spugnosa.
  • Per un tocco di croccantezza, potete spolverare sui funghi anche un po’ di pangrattato prima della cottura in forno. Per un’alternativa più saporita, potete aggiungere al mix di olio, prezzemolo e aglio anche una spolverata di peperoncino o di paprika forte. Trovate la variante che incontra maggiormente i vostri gusti.
  • I Funghi al forno sono ottimi anche con le patate cotte al forno. Provateli.

Conservazione

I Funghi al forno possono essere conservati in un contenitore ermetico in frigorifero per 1 giorno al massimo.

Storia e proprietà

I Funghi Champignon, gli Agaricus Bisporus chiamati anche prataioli, sono tra i più cucinati in Italia per il loro costo limitato e la loro disponibilità lungo tutto l’anno. L’utilizzo abituale dei funghi per comporre piatti succulenti, in Italia, risale ai primi anni del ‘900, periodo in cui inizia la coltivazione su larga scala.

I funghi hanno molte proprietà ed effetti benefici per la salute umana: sono poco calorici, quindi adatti per pasti dietetici, e contengono una buona quantità di proteine e di vitamina D, B, C e K, nonché potassio e magnesio.