fbpx

Alfajores, ricetta dei biscotti argentini con il dulce de leche

Gli Alfajores sono dei biscotti di una pasta simile alla frolla farciti con dulce de leche, una deliziosa crema a base di latte
alfajores
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Gli Alfajores sono i dolci tipici della gastronomia argentina tra i più famosi al mondo: due biscotti delicati che racchiudono tra loro una deliziosa crema al caramello: il dulce de leche. Gli Alfajores sono molto presenti nella maggior parte degli stati del Sudamerica, come il Cile, il Messico, l’Uruguay e la Repubblica Dominicana. Il Perù sarebbe stata la patria natia (per questo sono chiamati anche ‘Alfajores peruanos’). Accompagnati a una tazza di latte fresco per una colazione estiva, oppure a un fumante the caldo in inverno per una merenda, se non avete mai provato i biscotti Alfajores è giunta l’ora di recuperare. Noi vi presentiamo la ricetta classica di questi dolcetti dall’aroma inconfondibile, ma ne esistono di diverse varianti una più golosa dell’altra.

Ingredienti per 2 persone

  • Farina 00: 100 g
  • Maizena: 150 g
  • Burro: 100 g
  • Zucchero: 75 g
  • Uova: 2
  • Lievito: 1 cucchiaino
  • Dulce de leche: 200 g
  • Zucchero a velo: q.b
  • Preparazione: 20 minuti
  • Cottura: 10 minuti
  • Totale: 30 minuti
  • Calorie: 200 kcal/porzione

Preparazione

1

Per preparare gli Alfajores, iniziare lavorando il burro a temperatura ambiente a pezzetti con lo zucchero all'interno di una ciotola. Come per l’impasto della frolla, dobbiamo emulsionare bene il burro, in modo che non dia problemi in cottura.

2

Unire le uova e un pizzico di sale e amalgamare bene con l'aiuto di una forchetta.

3

Aggiungere la farina, la maizena, ed il lievito setacciati e impastare fino ad ottenere un panetto compatto e omogeneo.

4

Coprire l'impasto con la pellicola trasparente e lasciare riposare almeno 30 minuti in frigorifero.

5

Trascorso il tempo di riposo, riprendere l’impasto, stenderlo su una spianatoia con un mattarello infarinato. Appiattirlo fino a ottenere uno spessore di circa 4 mm. Con un coppa pasta o con formine per biscotti tonde ricavare dei dischetti di circa 6 cm di diametro.

6

Disporre i biscotti su una teglia foderata con carta forno e cuocere in forno statico a 180°C per 10 minuti circa. Poiché ogni forno lavora in modo diverso (e inoltre dipende dallo spessore e grandezza dei biscotti), consigliamo, passati i primi 6 minuti di cottura, di accertarsi con uno stuzzicadenti che i biscotti siano pronti.

7

Una volta cotti, farli raffreddare su una gratella e terminare la preparazione con la farcitura: spalmare il dulce de leche su un biscotto e richiuderlo con un altro biscotto. A piacere, cospargere del cocco in polvere sui bordi dell'Alfajores così ottenuto. Procedere in questo modo con tutti i dolcetti e infine servire.

Accessori

  • Una ciotola
  • Una forchetta
  • Pellicola trasparente
  • Coppa pasta o formine per biscotti
  • Una spianatoia
  • Un mattarello
  • Una gratella
  • Un coltello

Consigli e suggerimenti

  • Ponete molta attenzione nel maneggiare gli Alfajores: la loro consistenza è molto delicata e serve quindi molta delicatezza nello spalmare il dulce de leche per non romperli.
  • I biscottini peruviani non necessitano una cottura lunga. A differenza di molti altri dolci, non devono risultare dorati, ma ancora chiari.
  • Tradizionalmente il bordo di questi dolcetti sudamericani viene ricoperto dalla polvere di cocco che dona un tocco più esotico.
  • Come ogni dolce tradizionale che si rispetti, non possono mancare le varianti locali. In Spagna, ad esempio, si aggiungono miele e frutta secca all’impasto dei biscotti. Potreste inoltre ricoprirli con un sottile strato di cioccolato fondente oppure farcirli con marmellata o creme di altri gusti, come la classica Pasticcera o una crema al cioccolato. Inoltre, per un retrogusto più aromatico, potete aggiungere all’impasto dei biscottini l’essenza di vaniglia a piacere o della cannella in polvere. Esistono anche gli Alfajores di maizena, che non prevedono l’uso della farina e per questo risultano ancor più friabili e delicati: si sciolgono letteralmente in bocca.
  • Il dulce de leche è una crema paragonabile al nostro mou, preparata a partire da latte che viene fatto imbrunire con lo zucchero, in una lunga cottura. Infatti, una volta superato il punto di cottura del latte, insieme allo zucchero tende ad imbrunire aumentando di consistenza, un po’ come accade quando prepariamo il caramello. A parte quindi i tempi un po’ lunghi, non richiede particolari abilità. Infatti la ricetta del dulce de leche, come le migliori scoperte, nasce dall’errore di aver dimenticato il latte sul fuoco.

Conservazione

Consumare gli Alfajores entro 2 giorni conservandoli in un contenitore ermetico in frigorifero, oppure, se non fa troppo caldo, sotto una campana di vetro.

Storia

Le origini di questi deliziosi dolcetti sono tutte arabe; sarebbero poi arrivati in Sudamerica con i traffici dei conquistatori spagnoli a partire dal XV secolo. La prima zona in cui sono diventati un’istituzione è il Perù, da cui viene il nome ‘Alfajores peruanos’, per poi diventare un dolce tipico della maggior parte degli stati sudamericani. In Argentina, in particolare, sono tra i dolcetti più consumati in assoluto. Si dice che ogni giorno qui vengano consumati addirittura 6 milioni di Alfajores.

Grazie allo sviluppo della produzione industriale di questi dolcetti tanto amati dai sudamericani, a partire dagli anni ’80 sono diventati molto famosi anche nel resto del mondo. Ad oggi sono più di 50 le aziende argentine che li producono e li esportano ovunque.