fbpx

Panforte, ricetta facile

Come preparare in casa il panforte bianco di Siena, dolce tipico della tradizione natalizia.
Panforte di Siena ricetta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Il panforte è un dolce natalizio della tradizione senese, dalla storia millenaria. Gli ingredienti prevedono frutta secca, frutta candita, spezie, farina e miele. Viene poi cotto in forno su un foglio di ostia e spolverato con zucchero a velo vanigliato. La consistenza del panforte è morbida e pastosa, il gusto è molto dolce e variegato dalle note di frutta candita e delle spezie. Il Panforte di Siena è conosciuto come una specialità in tutto il mondo e ne esistono diverse varietà tra cui il panpepato, con l’aggiunta di pepe, il panforte al cioccolato e il panforte bianco o panforte margherita, così chiamato in onore della Regina Margherita di Savoia, che si differenzia dagli altri per essere ricoperto da uno strato di zucchero a velo vanigliato. In questa nostra ricetta vi diremo come preparare in casa il panforte passo passo, con foto, consigli e suggerimenti per ottenere un dolce buono come nei migliori laboratori artigianali!

Ingredienti per 1 Panforte di 800 g

  • Mandorle: 300 g
  • Frutta candita mista: 200 g
  • Farina: 60 g
  • Miele millefiori: 100 g
  • Zucchero a velo: 100 g
  • Anice stellato: ½ cucchiaino
  • Cannella in polvere: 1/2 cucchiaino
  • Chiodi di garofano in polvere: ½ cucchiaino
  • Zenzero in polvere: ½ cucchiaino
  • Coriandolo in polvere: ¼ cucchiaino
  • Pepe nero in polvere: ¼ cucchiaino
  • Zucchero a velo: 40 g
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Totale: 1 ora
  • Calorie: 110 Kcal/30 g

Preparazione

1

Ritagliate un foglio di carta forno e un foglio di ostia, usandoli per rivestire uno stampo a tortiera da 22 cm.

2

Tostate e mandorle in forno statico preriscaldato a 180° per 10 minuti, poi sfornate e tenete in caldo. Nel frattempo, mescolate le spezie in una ciotola.

3

In una ciotola versate la farina, aggiungete le spezie e mescolate.

4

Unite la frutta secca alla frutta candita e amalgamate accuratamente.

5

In un pentolino dal fondo spesso versate il miele e lo zucchero, portate sul fuoco a fiamma bassa fino a bollore.

6

Aiutandovi con un termometro da cucina, misurate la temperatura dello sciroppo di miele e zucchero, che deve arrivare a 121°. Mescolate il composto di tanto in tanto.

7

Versate lo sciroppo a temperatura nella frutta e mescolate velocemente con un mestolo di legno. Nel frattempo, accendete il forno a 180° in modalità statica, per preriscaldarlo.

8

Versate immediatamente il composto nello stampo, livellatelo e aggiungete 20g di zucchero a velo.

9

Infornate a 180° in forno statico per 30 minuti. Dopodiché sfornate e fare raffreddare bene, spolverizzando infine con il restante zucchero a velo.

Consigli e suggerimenti

Il panforte si conserva avvolto con carta alluminio, in modo che si mantenga morbido, fino a 2 settimane.

Il coriandolo è una spezia che abbiamo aggiunto a nostro gusto, ma potete evitarla se non di vostro gradimento o se non riuscite a trovarla in vendita facilmente.

Il foglio di ostia è importante perché evita che zucchero e miele si disperdano, così da tenere ben morbida la base.

Potete trovare le ostie al supermercato e in negozi specializzati per la fornitura di articoli di pasticceria.

Potete preparare dei panforte in versione piccola da regalare ad amici e parenti per Natale!

Storia

Il panforte nero era una preparazione diffusa nella città di Siena, di appannaggio esclusivamente nobiliare a causa dell’elevatissimo costo degli ingredienti. La preparazione del dolce era riservata all’Arte dei Medici e Speziali di Siena, che lo rivendeva ai ricchi e al clero. Siena si trovava sul passaggio della via Francigena e in città c’era così in forte commercio di spezie. Il panforte così come lo conosciamo ora fu il risultato della modifica della ricetta originale da parte di uno speziale che, in occasione della visita della regina Margherita nel 1879, decise di sostituire il pepe nero con lo zucchero vanigliato, di aggiungere miele e di eliminare dalla frutta candita il melone. Nel 2013 il panforte di Siena è diventato un prodotto IGP.