fbpx

Cloud Bread: la ricetta a forma di nuvola pronta con solo 3 ingredienti

Per il successo di questo sofficissimo Cloud bread, che letteralmente viene definito 'pane nuvola', bastano pochi comuni ingredienti che si trovano facilmente in casa: albumi, zucchero e amido di mais ed il gioco è fatto!
Cloud bread ricetta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Il Cloud bread è un pane che, come fa intuire il nome, è particolarmente morbido: della nuvola ha la consistenza spumosa e soffice, la forma e la leggerezza; del pane non ha nulla a che vedere se non per l’utilizzo, dal momento che può essere farcito come un panino, sia dolce che salato, magari come accompagnamento a salumi o formaggi. Per renderlo un soffice pane dolce provate ad aggiungere qualche goccia di aroma di vaniglia, di fragola o di arancia per poterlo gustare sia a colazione sia come spuntino del pomeriggio arricchito da un po’ di Marmellata di arance. Il nome è carino, la forma è simpatica ed è decisamente poco calorico: dai, provate a sfornarlo insieme a noi!

Ingredienti per 2 panini

  • Albumi: 6
  • Zucchero semolato: 80 g
  • Amido di mais: 40 g
  • Sale fino: q.b.
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Totale: 40 minuti
  • Calorie: 115Kcal/50g

Preparazione

1

Prendere gli albumi ed inserirli in una ciotola capiente.

2

Aggiungere un pizzico di sale e, con l'aiuto delle fruste elettriche, iniziare a montarli a neve.

3

Inserire all'interno della ciotola anche lo zucchero semolato.

4

Incorporare lo zucchero gli albumi con l'aiuto di una spatola: prestare attenzione a compiere questa operazione delicatamente per evitare che il composto si smonti.

5

A questo punto unire anche l'amido di mais e mescolare gli ingredienti.

6

Rivestire una teglia con della carta da forno. Adagiare sopra essa il composto ottenuto suddiviso in due panetti, dandogli la forma desiderata.

7

Inserire la teglia in forno preriscaldato a 190° e cuocere in modalità statico per circa 30 minuti.

8

Trascorso il tempo, estrarre la teglia ed aprire i panini cotti per verificare la loro morbidezza prima di gustarli.

Accessori

  • Ciotola capiente
  • Fruste elettriche
  • Spatola
  • Teglia
  • Carta da forno

Consigli e suggerimenti

  • Risulta un’ottima ricetta se avete degli albumi che avanzano, evitando così gli sprechi. Se avete albumi da consumare provate ad impiegarli per una gustosa Torta di albumi al cioccolato o per degli sfiziosi biscottini Ricciarelli.
  • Una volta sfornato è normale che perda un po’ di volume, per questo vi consigliamo di mangiarlo subito per godere a pieno della morbidezza della nuvola.
  • Il Cloud bread può essere farcito con del formaggio spalmabile, sostituito da yogurt greco, ricotta o con del mascarpone. Servitelo accompagnato da panna montata e frutta fresca.
  • Nell’impasto potrete aggiungere delle gocce di cioccolato, dell’uvetta oppure versare del colorante alimentare per ottenere una mollica colorata: i bambini ne rimaranno entusiasti!

Conservazione

Il Cloud bread andrebbe consumato appena sfornato; in alternativa lo si può conservare a temperatura ambiente all’interno di una scatola con coperchio o in un contenitore di latta per biscotti per massimo 2/3 giorni.

Storia

L’origine di questo ‘pane nuvola‘ è americana. Esiste da anni ed inizialmente nacque per gli sportivi, introdotto soprattutto nelle diete a basso contenuto di carboidrati: prevedeva l’utilizzo di formaggio spalmabile nell’impasto insieme alle uova. Come succede per molte ricette, anche questa ricetta originale americana ha subito delle varianti arrivando di Paese in Paese.

Il Cloud bread è un pane ideale per chi ha bambini in casa, o adulti golosi, perché è una ricetta dolce che può essere addolcita ulteriormente con un condimento nell’impasto o una volta che i panini sono cotti: ottimo da consumare a colazione con burro e marmellata, con della crema alle nocciole per la merenda di metà mattina o del pomeriggio.