fbpx

Dove mangiare a Napoli spendendo poco

Consigli su dove mangiare a Napoli, alcuni dei migliori ristoranti economici e delle pizzerie tradizionali.
mangiare a Napoli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Napoli, terra di profumi, sapori, tradizioni. Città dove è possibile trovare ristoranti, pizzerie e locali che propongono street food a ogni angolo. Mangiare a Napoli, e farlo spendendo poco, non è difficile: tuttavia, a causa del recente aumento dei prezzi, è facile cadere nelle famose “trappole per turisti” che si stanno diffondendo anche nella città partenopea. Non è soprattutto facile scegliere tra le migliaia di proposte del centro storico: pizzerie, ristoranti, trattorie, ma anche piccoli locali alternativi.

I piatti tipici di Napoli sono conosciuti in tutto il mondo: a partire dalla pizza, inventata nel 1889 dal cuoco Raffaele Esposito alla pizzeria Brandi di via Chiaia, ma anche la pasta e patate, gli spaghetti alla nerano, le sfogliatelle ricce e frolle, il ragù di carne alla napoletana, le salsicce e i friarielli e molto altro ancora.

La scelta è molto vasta e con questo blog post vogliamo consigliarvi alcuni dei migliori ristoranti tipici di Napoli, le migliori pizzerie del centro storico e darvi un consiglio su dove mangiare una perfetta sfogliatella napoletana!

Pizzeria “La figlia del presidente”

Pizzeria storica del centro di Napoli, la figlia del presidente è davvero figlia d’arte: nel 1994 Ernesto Cacialli portò il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton ad assaggiare “un pezzo di Napoli” nella pizzeria di sua proprietà. Da quell’evento nacque il nome “Dal Presidente”, la cui figlia, Maria, ha aperto poco lontano il suo locale, La figlia del Presidente. La pizzeria di Maria offre le migliori pizze fritte in circolazione, ripiene di ricotta, provola e cicoli come vuole la tradizione partenopea, pizze classiche e, soprattutto, è una delle pizzerie che offre validissime alternative di pizza senza glutine a Napoli. Qui una pizza fritta vi costerà solo 3,50€ e andrete via pieni, soddisfatti e felici, soprattutto se avrete la fortuna di conoscere la proprietaria, sempre affabile e verace. La pizzeria è conosciuta anche per aver partecipato a “4 ristoranti” di Alessandro Borghese.

Prezzo medio: 5€

Indirizzo: via Grande Archivio 14, Napoli

Orari di apertura: lunedì dalle 12:00 alle 15:30; dal martedì al sabato dalle 12:00 alle 15:30 e dalle 19:00 alle 23:00; domenica chiuso.

Sito web

Pizzeria del Popolo

La Pizzeria del Popolo, in Piazza Mercato, fa da anni la pizza come vuole la tradizione napoletana. Soffice, morbidissima, con mozzarella filante, pomodoro verace, basilico fresco. Se siete a Napoli di passaggio e dovete passare per il Moro Beverello per imbarcarvi, fermatevi prima alla Pizzeria del Popolo: qui troverete la migliore frittura di Napoli. Crocché di patate e frittatine di pasta, pasta cresciuta e frittura all’italiana, ma anche una delle più buone e grandi margherite di Napoli, allo strabiliante costo di 3,50€.

Prezzo medio: 4€

Indirizzo: Piazza Mercato 44, Napoli

Orari di apertura: dal lunedì al sabato dalle 10:00 alle 24:00; domenica chiuso.

Sito web

L’Antica Pizzeria da Michele

Non serve spendere troppe parole per presentare l’Antica Pizzeria da Michele. Ci pensa la folla che si raccoglie fuori dalla pizzeria a qualsiasi ora del giorno e le ore d’attesa per sedersi: per mangiare una pizza a pranzo conviene andare alle 11:00 del mattino. Ci pensa anche “Mangia, prega, ama”, libro e successivamente film di Elizabeth Gilbert con protagonista Julia Roberts: “ho una storia d’amore con la pizza… diciamo che è una specie di pane, amore e carboidrati!”.

L’Antica Pizzeria da Michele è senza dubbio una tra le migliori pizzerie di Napoli. Da Michele potrete assaggiare solo tre pizze: margherita, marinara e margherita con doppia mozzarella. E lo farete, probabilmente, seduti a tavola con sconosciuti. Infatti, all’Antica Pizzeria da Michele, i tavoli di marmo sono condivisi tra commensali che non si conoscono, per dare a tutti la possibilità di entrare e mangiare il prima possibile. Se l’idea vi sgomenta, lasciateci dire che è un ottimo modo per farsi nuovi amici perché, si sa, il cibo unisce tutti!

Prezzo medio: 4€

Indirizzo: Via Cesare Sersale 1, Napoli.

Orari di apertura: dal lunedì al sabato dalle 11:00 alle 23:00; chiuso la domenica.

Sito web

Tandem Ragù

Il ragù a Napoli deve pippitiare per ore e ore, altrimenti non è ragù. La parola deriva dal suono del ragù che sobbolle a fiamma bassa ed è la parola che significa “ragù” per antonomasia: i pezzi interi di carne cotti nel sugo di pomodoro (le salsicce, le tracchie, la gallinella di maiale, la pancetta, lo scamone, la braciola e tante altre varianti), con sale e basilico fresco. Ogni famiglia ha la sua ricetta e sceglie quali pezzi mettere e in quali quantità, quante ore far cuocere il ragù, o meglio, ‘o rraù. Di solito cuoce almeno 6 ore, per poi condire gli ziti, il formato di pasta preferito dai napoletani per queste preparazioni.

Dove mangiare a Napoli, a un prezzo più che accessibile, il vero ragù? Ma da Tandem, è ovvio! Tandem Ragù ha diverse sedi e offre diversi primi piatti a base di ragù come gnocchi, ziti al ragù, reginelle ragù e ricotta, secondi piatti di braciole, salsicce, contorni tipici come friarielli e peperoncini verdi. Ma potete anche ordinare una “scarpetta”: una ciotola di ragù accompagnata da pezzi di pane cafone. E vi assicuriamo che con un unico primo piatto sarete pronti a rimettervi in strada, per l’abbondanza delle porzioni. Per cui, se volete proprio assaggiare tutto, cercate di dividere i piatti con i vostri compagni di pranzo! Tandem è conosciuto sia dai locals che dai turisti, per cui vi consigliamo caldamente di prenotare telefonando alla sede che preferite (ce ne sono ben sei!).

Un posto inaccessibile ai vegetariani? Assolutamente no, perché Tandem propone anche dei ragù totalmente vegetali ma ugualmente deliziosi, come il ragù di seitan. Se vi chiedete quindi dove mangiare vegetariano a Napoli, Tandem sicuramente è uno dei posti giusti.

Prezzo medio: 10€ per i primi; 8€ i secondi; 6€ contorni; 6€ scarpetta.

Indirizzi e orari di apertura delle sedi:

  • Via Paladino 51: tutti i giorni dalle 11:00 alle 23:00;
  • Via Sedile di Porto 51: dalle 12:30 alle 16:00 e dalle 19:00 alle 23:30;
  • Via Mezzocannone 75: tutti i giorni dalle 12:00 alle 16:00 e dalle 19:00 alle 23:00;
  • Via Bernini 74B: tutti i giorni dalle 11:00 alle 23:00;
  • Via Calata Trinità Maggiore 12: tutti i giorni dalle 11:30 alle 18:00;
  • Via Calata Trinità Maggiore 10 (pizzeria): tutti i giorni dalle 11:30 alle 23:00.

Sito web

Trattoria da Nennella

La Trattoria da Nennella è probabilmente il locale più conosciuto di Napoli. Un po’ nascosta nei vicoli dei Quartieri Spagnoli, la trattoria offre ancora piatti della tradizione a prezzi davvero bassi. È particolarmente famosa per la sua “pasta e patate con provola e pancetta”, ma anche la pasta e fagioli con le cozze, le polpette fritte al sugo, i paccheri con cozze e lupini. Da Nennella ci si va non solo per mangiare, ma anche per divertirsi: se decidete di mangiare qui, sappiate che il gestore e i camerieri vi tratteranno come persone di casa, anzi, come amiconi: non mancheranno battute, scherzi (innocenti), musica, balli e canti: un’esperienza folkloristica e da non perdere. Dovete però sperare di essere fortunati: da Nennella non si può prenotare, quindi potrebbe capitare di dover fare un po’ di fila.

Da Nennella potete ordinare da menù o sfruttare un comodissimo menù fisso: un pasto completo con antipasto, primo e secondo vi verrà a costare 15€.

Prezzo medio: 15-20€ a persona

Indirizzo: Vico Lungo Teatro Nuovo 103-104-105, Napoli

Orari di apertura: dal lunedì al sabato dalle 12:00 alle 15:00 e dalle 19:00 alle 23:00; domenica chiuso.

Sito web

Friggitoria Fiorenzano

Fiorenzano è un nome che tutti i napoletani conoscono. Lì nella Pignasecca, a pochi passi dalla stazione Montesanto, dal 1897 sorge la trattoria e pizzeria Fiorenzano, tra le prime a offrire le pizze fritte ricotta e cicoli da passeggio, nella loro carta oleata, bollenti e saporite. Fiorenzano offre fritti, pizze, piatti della tradizione serviti nell’impasto della pizza cotto a mo’ di ciotola, ma anche il celebre “call ‘e tripp” e “’o pere e ‘o muss”, ovvero le frattaglie e gli “scarti” di vitello e maiale, bollite e servite con succo di limone fresco, sale e pepe. Una delizia per gli amanti delle interiora, nata dall’usanza dei meno abbienti che non sprecavano neanche un pezzo di cibo. Un piatto poverissimo che però è diventato parte della cultura napoletana più radicata, amato e ricercato, venduto spesso in teche di vetro dove i pezzi di carne sono ben in vista, freschi e pronti per essere tagliati e consumati. Fiorenzano, in questo, è uno dei must: vi consigliamo quindi di non perderlo, per la bontà, il prezzo basso e l’ottima posizione.

Prezzo medio: 8€

Indirizzo: Via Pignasecca 48, Napoli

Orari di apertura: dal lunedì al sabato dalle 9:00 alle 21:00; domenica chiuso.

Sito web

Il Cuoppo friggitori napoletani

Non avete tempo di sedervi? A Napoli prendersi i propri momenti per mangiare è tradizione, ma se siete in visita alla città, magari con un biglietto prenotato per un’attrazione, è possibile che vogliate trovare una soluzione veloce ed economica per mangiare qualcosa “da passeggio”. In questo caso vi viene in aiuto Il Cuoppo, friggitori napoletani: un locale in due sedi a poca distanza tra loro che offre il tradizionale “cuoppo” di frittura napoletana. Il “cuoppo” è un cono di carta paglia assorbente dove viene messa la frittura “di terra” e “di mare”. I classici della tradizione a Napoli sono i crocché di patate (a volte li troverete segnalati come “panzerotti”), le “palle di riso” (arancini), le frittatine di pasta; per la parte “di mare” sono immancabili le seppioline e i calamaretti, il baccalà, le alici, i gamberi e il fritto misto di paranza. Da Il Cuoppo troverete tutte queste cose e anche di più: frittatine di bucatini con provolone del monaco, arancini con gamberi e limone, crocché con il salmone affumicato e tante altre piccole delizie da gustare mentre si passeggia. Il locale offre anche un cuoppo di fritto vegetariano con frittura di verdure.

Prezzo medio: 6,50€

Indirizzo: Via san Biagio dei Librai 23, Napoli; via dei Tribunali 43, Napoli.

Orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 11:00 alle 20:30; sabato e domenica dalle 11:00 alle 21:00.

Sito web

Scaturchio

Immaginate di trovarvi in Piazza san Domenico Maggiore o di percorrere la Pignasecca. State passeggiando e già scorgete con gli occhi la galleria Umberto I, quando un profumo delizioso, dolce, zuccherino e intenso vi fa voltare lo sguardo verso quel locale: è Scaturchio, la pasticceria che produce tradizionali sfogliatelle napoletane nella versione riccia e nella versione frolla, a centinaia, migliaia al giorno, ma anche deliziosi babbà al rhum, biscotti amarena, pastiere napoletane e, nel periodo di San Giuseppe, le enormi zeppole ripiene di crema e amarena, al forno o fritte. Scaturchio è un’eccellenza napoletana, celebre per la bontà e la qualità dei prodotti. Se vi state chiedendo dove comprare la pastiera online, Scaturchio è una garanzia: prepara prodotti di qualità e fa spedizioni celeri. La famiglia Scaturchio aprì la prima pasticceria all’inizio del Novecento e, ancora oggi, propone prodotti a metà tra tradizione e innovazione, come il mirabolante babà a forma di Vesuvio!

Prezzo medio: 3€

Indirizzi e orari: Piazza san Domenico Maggiore 19, Napoli, tutti i giorni dalle 8:00 alle 21:00.

Altre sedi:

  • Stazione Centrale di Napoli, ingresso Corso Novara, dal lunedì al sabato dalle 8:00 alle 23:00, la domenica dalle 8:00 alle 21:00;
  • Piazza Amedeo 4/5, Napoli, tutti i giorni dalle 7:00 alle 21:00;
  • Largo S. Martino 5, Napoli, tutti i giorni dalle 8:00 alle 21:30;
  • Via Luca Giordano 79, Napoli, dal lunedì al mercoledì dalle 7:30 alle 20:30, dal giovedì alla domenica dalle 7:00 alle 21:00.

Sito web

Questi sono solo alcuni dei migliori ristoranti di Napoli, tra quelli che preferiamo e che non manchiamo mai di visitare durante una visita al centro storico. Avete mai mangiato in uno di questi locali? Lasciateci un commento e raccontateci della vostra esperienza!