Crema Catalana, un po’ di Spagna in cucina

La Crema Catalana è una crema soffice, speziata, ricoperta da una crosta di caramello. Dolce tipico della Catalogna, regione della Spagna.
crema catalana
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La Crema Catalana è un dessert al cucchiaio tipico della Catalogna, una regione della Spagna. È anche chiamata “crema di Sant Josep” perché tipico della giornata di San Giuseppe. La soffice crema è servita in una terrina in terracotta e ricoperta da uno strato di zucchero caramellato, ottenuta con un cannello o con una tipica piastra tonda incandescente, chiamata ferro per cremar, posizionata sopra. Ci sono varie versioni sull’origine del dolce. Alcuni sostengono che sia di provenienza inglese, altre che sia una versione catalana della francese créme brulée, altri ancora affermano sia stata inventata da delle monache che per rimediare ad un budino sbagliato ci versarono sopra dello zucchero e lo caramellarono. Servito al vescovo in visita, questi urlò “crema” che in spagnolo significa sia crema che bruciato, da qui l’altro nome: crema cremada. Per preparare la crema catalana potete seguire la ricetta della crema al limone, aggiungendo la stecca di cannella e la spolverata di noce moscata. Esistono varianti della crema catalana ottenute sostituendo il limone con l’arancia, o con l’aggiunta di panna, pan di spagna, frutta. Io vi propongo la classica. Se amate i dolci al cucchiaio, vi consiglio di provare la panna cotta, un classico che piace a tutti!

Ingredienti per 4 persone

  • Latte: 500 ml
  • Tuorli: 4
  • Zucchero: 100 g
  • Fecola di patate: 25 g
  • Cannella: 1 stecca
  • Zucchero di canna per decorare: q.b.
  • Noce moscata per decorare: q.b.
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura:
  • Totale: 15 minuti
  • Calorie: 152 kcal/porzione

Preparazione

1

In un pentolino versate il latte, con le stecche di cannella, la vaniglia e la buccia del limone. A fiamma bassa, non portate ad ebollizione.

2

Separate gli albumi dai tuorli, aggiungete lo zucchero e montateli fin quando non diventano chiari e spumosi.

3

Setacciate la fecola di patate per eliminare i grumi.

4

Stemperate la fecola di patate con un po’ di latte tiepido, in modo che quando la versate nel latte non crei grumi.

5

Togliete il pentolino dal fuoco e versateci i tuorli montati con lo zucchero, mescolando con una frusta. Portate il pentolino sul fuoco per un minuto.

6

Aggiungete la fecola di patate stemperata nel latte, mescolate sempre con la frusta, in modo da non creare grumi.

7

Mettete la crema ancora calda in una terrina e trasferitela in frigo per un’ora.

8

Passata un’ora, prima di servire, cospargete la superficie con lo zucchero di canna e una spolverata di noce moscata. Caramellare lo zucchero con l’apposito cannello. Se non lo avete il cannello, potete passarla in formo un minuto in modalità grill, posizionando la griglia nella parte alta. Servitela calda.

Conservazione e Consigli

La Crema Catalana si conserva in frigorifero per un massimo di 3 giorni. Vi consigliamo vivamente di realizzare la crosticina prima di servirla. Inoltre se volete renderla ancora più aromatica e profumata, nel momento in cui mettete lo zucchero di canna per la decorazione, aggiungete anche un po’ di noce moscata.