Pesto di melanzane per i vostri piatti di pasta

Ottimo non solo per condire la pasta ma anche spalmato sui crostini, il pesto di melanzane si prepara in poco tempo e con pochi ingredienti.
pesto di melanzane
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Se non avete mai provato il pesto di melanzane non sapete cosa vi perdete. E’ vero che con questo ortaggio è possibile realizzare un infinito numero di preparazioni dalle polpette alle melanzane ripiene, ma questo pesto le batte tutte. Nato in un giorno di estate dalla necessità di consumare le eccedenze dell’orto, il pesto di melanzane, simile per realizzazione a quello di zucchine, ha finito con il condire non solo la pasta, ma anche delle deliziose bruschette. Per dare un tocco di sapore in più, oltre all’aglio che secondo me proprio non può mancare, ci sono basilico e menta.

Ingredienti

  • Melanzana: 1
  • Aglio: 1 spicchio
  • Formaggio grana: 50 g
  • Mandorle: 30 g
  • Menta e uno di Basilico: 1 mazzetto
  • Sale e pepe: q.b
  • Olio evo: q.b
  • Calorie: 60 Kcal/porzione

Preparazione

1

La realizzazione di questa ricetta è piuttosto semplice. Come prima cosa lavate le melanzane, privatele delle estremità e riducetele a quadrotti.

2

Mettetele in padella con un filo di olio, uno spicchio di aglio e basilico spezzettato. Rosolatele velocemente, quindi coprite e portate a cottura a fuoco basso. Se serve aggiungete un goccio di acqua. A cottura ultimata regolate di sale e pepe.

3

Lasciatele intiepidire, trasferitele in un mixer e frullate fino ad ottenere una crema. Aggiungete anche le mandorle,

4

Aggiungere la menta

5

e il formaggio a tocchetti oppure già grattugiato.

6

Frullate nuovamente regolando di olio se necessario. Il vostro pesto è pronto per condire la pasta oppure per arricchire bruschette e crostini.

Curiosità

Mentre eravamo comodamente seduti a tavola sgranocchiando dei crostini con questo pesto è venuta fuori una storia curiosa: nei ristoranti era usanza frodare la gente servendo melanzane fritte in sostituzione dei pregiatissimi funghi porcini. Questo perché il sapore dei due, una volta cotto, è piuttosto simile e solo i più attenti possono notare la truffa. Per capire il motivo non dovrete fare altro che assaggiare il pesto.

Potete variare la frutta secca utilizzata nel pesto: ottimo con i pregiati pinoli, oppure delicato con le noci o le nocciole. Anche il formaggio è a vostra discrezione: ottimo con il grana così come con il pecorino. Cercate un tocco di sapore in più? Aggiungete capperi, olive e pomodori secchi.