Pasta e fagioli con la ricetta perfetta

La ricetta di pasta e fagioli che vi propongo è perfetta. Una minestra liscia e corposa, dai sapori ricchi e appaganti, ideale per l'inverno.
pasta e fagioli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Dopo aver provato tante ricette per preparare pasta e fagioli, finalmente ho trovato quella perfetta. Dimenticate brodaglie e zuppe insapori. Questa minestra densa, ricca e cremosa vi stupirà. Come tutte le ricette della tradizione, anche per pasta e fagioli ogni zona e ogni famiglia ha la sua versione che chiaramente dice essere la migliore. Ingrediente base è il fagiolo borlotto, poi non possono mancare pomodoro e soffritto. Tutto il resto è a discrezione vostra. Una minestra di fagioli che si rispetti deve avere un sapore corposo, saporito, e la ricetta di pasta e fagioli che vi mostro oggi possiede tutte queste caratteristiche. Ottima in autunno e inverno quando il clima comincia a raffreddarsi, è una di quelle preparazioni che il giorno dopo acquista ancora più sapore.

Ingredienti per 2 persone

  • Fagioli Borlotti secchi: 150 g
  • Carota: 1
  • Sedano: 1 gmbo
  • Cipolla: 1/2
  • Vino Bianco: 1/2 bicchiere
  • Pomodori pelati: 2
  • Pasta corta: 60 g
  • Sale e Pepe: q.b.
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 110 minuti
  • Totale: 125 minuti
  • Calorie: 620 Kcal/porzione

Preparazione

1

Come prima cosa mettete in ammollo i fagioli la sera prima. Questa operazione non sarà necessaria se decidete di utilizzare i fagioli già cotti.

2

Trascorso il tempo di ammollo cuocete i fagioli in acqua non salata. A piacere potete aromatizzarla con erbe come salvia e rosmarino. Cuoceranno per un’ora e mezza nella pentola tradizionale, 35 minuti nella pentola a pressione. Se ripiegate su quest’ultima, unite anche un filo di olio.

3

Una volta cotti, unite un cucchiaino di sale grosso nell’acqua ancora bollente. Aggiungendo il sale a cottura ultimata, eviterete che i fagioli restino duri.

4

Se utilizzate i fagioli in lattina, la preparazione inizia da qui

Tritate ora sedano, carota e cipolla e soffriggeteli in due cucchiai di olio. Tagliate a cubetti non troppo grandi anche le patate e unitele. Rosolate bene il tutto e sfumate con il vino bianco.

Se utilizzate i fagioli in lattina, la preparazione inizia da qui
5

Una volta che tutto l’alcool sarà evaporato, aggiungete due pomodori pelati e qualche cucchiaio della loro salsa. Aggiungete anche mezzo bicchiere di acqua.

6

Portate a cottura le patate, aggiustando di sale e pepe. Se necessario, potete aggiungere altra acqua. Unite quindi un terzo dei vostri fagioli e lasciate andare un paio di minuti.

7

Frullate poi il tutto con il mixer ad immersione. Verificate i sapori e unite i fagioli restanti e acqua fino ad ottenere una consistenza non troppo liquida. L’ideale sarebbe utilizzare l’acqua di cottura dei fagioli stessi. Avrete così un sapore più ricco.

8

Portate a bollore quindi unite la pasta corta che preferite, l’ideale sono i ditalini.

A cottura ultimata distribuite nei piatti e a piacere completate con del formaggio grattugiato.

Consigli e Curiosità

Per una pasta e fagioli perfetta come vi abbiamo già detto è consigliabile usare i fagioli borlotti, tuttavia per chi ama i sapori più delicati può usare i fagioli cannellini. A Fine cottura potete anche dare una spolverata di peperoncino e mettere un po’ d’olio d’oliva a crudo. Per quanto riguarda il formato della pasta da usare oltre alla tradizionale usata per le minestre, potete anche decidere di usare vari formati di pasta, per esempio mischiando gli avanzi delle confezioni rimaste in dispensa, tenendo conto naturalmente che il tempo di cottura deve essere lo stesso! Ovviamente se avete tempo e voglia di fare la pasta in casa, è ottima con i fagioli! Inoltre per la pasta e fagioli ci sono due scuole di pensiero: la prima cucina la pasta assieme ai fagioli così che l’amido della pasta contribuirà a rendere il brodo più denso e saporito; altri invece, lessano la pasta a parte, e una volta cotta la uniscono ai fagioli. Anticamente questa pasta veniva preparata con un procedimento lunghissimo che arrivava anche fino a sei ore!! Ora visti i tempi frenetici ed andando sempre di fretta ci si impiega molto meno! Il risultato? Sicuramente, anticamente i condimenti erano più genuini e legati alla tradizione contadina che usava aggiungere anche le cotiche e le ossa del maiale per rendere il piatto più saporito. Oggi è una scelta aggiungere il maiale, ma non una regola.