fbpx

Challah, pane ebraico semi dolce

Lo challah è un pane tipico ebraico consumato solitamente il sabato, giorno di festa. E' una pagnotta lievitata e intrecciata davvero profumata.
challah
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Lo challah è una treccia di pane lievitato semi dolce, perfetta quindi accompagnata al mattino da marmellate e a cena con pietanze salate. Gli Ebrei mangiano questo pane particolare in occasione dello sabbath, il sabato, nonché giorno di riposo. Lo sabbath è il giorno in cui tutte le attività devono essere terminate, devono cessare per dar spazio al riposo, come accadde per Dio che il settimo giorno si riposò. L’origine di questo pane si può ricondurre ad una citazione: “Parla ai figli d’Israele. Dirai loro: quando voi sarete entrati nel paese, dove io sto conducendovi e mangerete del pane del paese, ne sottrarrete un’offerta al Signore”. Generalmente sulle tavole degli Ebrei è usanza averne due, come simbolo della doppia porzione di manna che Dio diede agli israeliti nel deserto. In origine, da questo pane era prelevata la decima fetta e offerta al sacerdote, ma dopo la scomparsa del Tempio, si preleva una parte di impasto, bruciato in forno e non consumato.

Ingredienti per 4 persone

  • Farina 00: 700 g
  • Acqua: 155 ml
  • Olio di girasole: 65 g
  • Lievito di birra fresco: 10 g
  • Sale fino: 15 g
  • Zucchero semolato: 50 g
  • Uova medie: 4
  • Semi di sesamo: q.b.
  • Uovo per spennellare: 1
  • Preparazione: 60 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Totale: 90 minuti
  • Calorie: 280 kcal/100 g

Preparazione

1

In una ciotola preparare il lievitino: mescolare 150 g di farina e l’acqua col lievito sciolto all’interno.

2

Formare un impasto abbastanza liquido e far riposare coperto con pellicola per 30 minuti. Dopo il riposo in una ciotola a parte mescolare la farina col sale e zucchero, aggiungere l’olio,

3

il lievitino riposato

4

e le uova sbattute.

5

Impastare energicamente con le mani su un piano infarinato fino a formare un panetto morbido, liscio ed elastico.

6

Far riposare in una ciotola coperta con pellicola, in un luogo tiepido e asciutto per 3 ore.

7

Dopo il riposo dividere l’impasto in 4 pagnotte di uguale peso e allungarle con le mani in modo da formare dei filoncini. Formare una treccia a 4 capi, sistemarla su una teglia con carta forno e far riposare altri 30 minuti.

8

Spennellare la superficie con l’uovo sbattuto e semi di sesamo, poi cuocere in forno già caldo a 180° per circa 30 minuti.

9

Dovrà risultare dorato in superficie, far raffreddare e tagliare a fettine.

Consigli:

Per chi trova difficoltà con la treccia a 4 capi è possibile realizzarla a 3 e spolverare la superficie con semi di papavero.