Bellini, il cocktail tutto italiano: ricetta e storia

Raffinato e gustoso, ecco un grande classico tutto italiano: il Bellini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Che si tratti di un aperitivo o un brunch domenicale in estate, recuperate qualche pesca bianca di stagione e preparatevi un immortale Bellini. Vi bastano solo due ingredienti e qualche minuto di pazienza per un cocktail da leccarsi i baffi: delle pesche bianche ben mature e lo Spumante che più preferite. Veneziano di nascita e amato dai maggiori artisti che lo hanno assaggiato nelle soste all’Harry’s Bar, il Bellini è il cocktail frizzantino, leggero, gustoso ed elegante che accontenta proprio tutti. Ecco come prepararlo con pochi semplici passi e con qualche consiglio utile per una riuscita ottimale del cocktail dell’estate. 

Ingredienti per 1 persona

  • Spumante: 100 ml
  • Nettare di pesca bianca: 50 ml (una pesca circa)
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura:
  • Totale: 10 minuti
  • Calorie: 63 Kcal/cocktail

Preparazione

1

Lavare la pesca bianca, sbucciarla, tagliarla a spicchi che vanno adagiati nel colino

2

Con l'aiuto di un cucchiaio, spremere gli spicchi di pesca in modo che fuoriesca il nettare, direttamente nel flûte o, se più comodi, in una ciotolina per poi trasferire il succo nel bicchiere

3

Versare con delicatezza lo Spumante fino a colmare il bicchiere

4

Decorare il flûte con uno spicchio di pesca e servire

Accessori:

  • Un bicchiere flûte
  • Un colino o, se lo avete, un jigger
  • Un cucchiaio

Consigli e suggerimenti:

Preparare un Bellini è sicuramente semplice, ma è comunque necessario fare attenzione ad alcune piccole accortezze.

  • Le pesche sono il fulcro del cocktail Bellini. Devono essere bianche e ben mature in modo che risultino più succose e saporite
  • C’è chi utilizza il frullatore per preparare questo drink, ma noi vi consigliamo la vecchia maniera. Schiacciate gli spicchi di pesca con un cucchiaino in un colino, il succo risulterà molto più carico di sapore.
  • Se non avete con voi le pesche potete utilizzare un estratto già pronto, ma attenzione che sia biologico e senza conservanti industriali, altrimenti il sapore non sarà genuino e intenso come dovrebbe
  • In questo cocktail gli ingredienti sono soltanto due e vi consigliamo di scegliere quindi pesche e Spumante di buona qualità. Per una riuscita perfetta optate per un Franciacorta o un Prosecco, eccellenze delle nostre terre.
  • Amanti dello Champagne non disperate. Potete sostituire il Prosecco o Franciacorta con lo Champagne: otterrete il cosiddetto Bellini Royal

Storia:

Il cocktail dal sapore tutto italiano ha una storia molto curiosa. La patria natia del Bellini è la città più bella del mondo: Venezia. L’ideatore fu Giuseppe Cipriani, proprietario del famoso Harry’s Bar, in onore della mostra dell’artista rinascimentale Giovanni Bellini, nel 1948. In particolare, ispirato al colore rosato dell’indumento di un santo raffigurato in un’opera, Cipriani avrebbe creato questo cocktail particolare, che inizialmente prevedeva anche l’aggiunta di purea di lamponi per donare un colore più carico.

Molteplici furono gli artisti che sostarono all’Harry’s Bar e che contribuirono a rendere il Bellini conosciuto in tutto il mondo. Per citarne alcuni: Orson Welles, Gianni Agnelli, Hemingway e molti altri. Ma non solo; un forte impulso alla conoscenza mondiale di questo cocktail lo diede l’apertura dell’Harry’s anche a New York. Oggi è uno dei cocktail più famosi e che maggiormente rappresenta l’italianità nel resto del mondo.

Conclusione:

La sua stagione è l’estate e il colore è quel rosato che ricorda i tramonti delle giornate più calde. Se state pensando di preparare un aperitivo in piena estate e non avete fantasia, il Bellini non passa mai di moda. Gli ospiti vi chiederanno il bis, ci scommettiamo.

E se siete amanti dei cocktail frizzantini, vi consigliamo anche il Mimosa, l’avete già provato? Qui troviamo l’arancia al posto della pesca.