Torta magica, in un morso 3 consistenze

Quando cominci vedere ovunque video e foto di questa fantomatica torta magica che dovrebbe presentarsi con 3 strati ben distinti e 3 consistenze diverse ma tu sei un po’ come San Tommaso che “se non vedi, non credi”, o in questo caso “se non fai e assaggi, non credi”, cosa resta da fare se non […]

  • Tempo di preparazione
  • Tempo di cottura:
  • Porzioni: 4 persone
  • Calorie: 250 kcal/100 g
  • Ingredienti per una teglia 18x24 cm

  • Limoni: 2
  • Latte: 380 ml
  • Zucchero: 110 g
  • Olio di riso: 90 ml
  • Farina 00: 85 g
  • Uova: 3
  • Vaniglia: 1/2 baccello
  • Buccia grattugiata di limone: 1
  • Sale: 1 pizzico

Quando cominci vedere ovunque video e foto di questa fantomatica torta magica che dovrebbe presentarsi con 3 strati ben distinti e 3 consistenze diverse ma tu sei un po’ come San Tommaso che “se non vedi, non credi”, o in questo caso “se non fai e assaggi, non credi”, cosa resta da fare se non accendere il forno, controllare che in frigo ci sia tutto il necessario e mettersi all’opera?!

E poi, proprio perché ero scettica, anzi molto scettica, “Amo mi dai una mano? Vediamo se vengono davvero i 3 strati?’”. E così, dopo qualche tentativo, qualche modifica e qualche riaggiustamento, facciamo la torta magica al limone! Perfetta per una golosa e fresca (va conservata in frigo!) merenda o colazione estiva!

Come preparare la torta magica:

1La sera prima peliamo con il pelapatate due limoni avendo accortezza di prelevare solo la parte gialla (la parte bianca risulta amara) e lasciamo le bucce tutta notte in infusione nel latte.

torta magica

2L’indomani, togliamo le bucce di limone dal latte e cominciamo a preparare la nostra torta magica! Ricordiamoci di tirare fuori dal frigo le uova circa un’ora prima così da riportarle a temperatura ambiente.

3Nel frattempo possiamo preparare la tortiera imburrandola e rivestendone le pareti con della carta da forno. Se utilizzate una tortiera classica (non apribile) abbiate cura di lasciar sporgere qualche centimetro di carta dai bordi per estrarre poi con più facilità la torta. Se invece utilizzate una teglia a cerniera, questo accorgimento non sarà necessario.

torta magica

4Cominciamo rompendo le uova e dividendo i tuorli dagli albumi. Montiamo questi ultimi fino a raggiungere la cosiddetta consistenza “a becco d’uccello” (vedi Consigli e Suggerimenti in calce), trasferiamoli in un piatto e mettiamoli da parte in frigo.

torta magica

5Mettiamo a questo punto nella ciotola della planetaria (senza bisogno di lavarla dopo aver montato gli albumi!) i tuorli e lo zucchero e montiamo fino ad ottenere una massa chiara e spumosa. Aggiungiamo la buccia grattugiata di limone…

torta magica

6e l’olio di riso a filo.

torta magica

7Una volta amalgamato quest’ultimo, aggiungiamo anche la farina setacciata con il sale avendo l’accortezza di impostare la planetaria sulla velocità minima per non fare smontare eccessivamente la montata di tuorli. Se necessario puliamo le pareti della ciotola con l’aiuto di una spatola in silicone.

torta magica

8Proseguiamo scaldando il latte nel microonde e versiamo anche questo a filo mentre la frusta continua a girare a velocità minima, facciamo amalgamare bene facendo attenzione a sciogliere gli eventuali grumi.

torta magica

9Terminiamo l’impasto a mano aggiungendo gli albumi precedentemente montati con l’aiuto di una frusta e poi di una spatola in silicone compiendo dei movimenti delicati dal basso verso l’alto.

torta magica

10Versiamo infine l’impasto nella nostra teglia già foderata da carta da forno e inforniamo nel forno statico a 150°C per 1 ora e 30 minuti.

torta magica

11Trascorso questo tempo sforniamo il dolce (anche se non siamo convinti della cottura!) e lasciamo raffreddare a temperatura ambiente.

12Una volta fredda, copriamo la teglia con della pellicola per alimenti e mettiamo in frigo per qualche ora. In questo modo la torta si stabilizzerà e i famosi 3 strati prenderanno forma!

torta magica

Consigli e suggerimenti:

È importante montare bene gli albumi. Bene ma non troppo! Si, perché quando montiamo gli albumi andiamo a modificare la struttura delle proteine in esso contenute. Queste vengono “srotolate” e cominciano a legarsi tra loro formando un reticolo in grado di trattenere aria ed acqua. Quando montiamo eccessivamente gli albumi, andiamo a creare un reticolo proteico interno fin troppo forte e quando andremo ad amalgamare gli albumi agli altri ingredienti, ci ritroveremo con tanti “fiocchi” separati e l’acqua contenuta negli albumi stessi verrà rilasciata. Il risultato sarà un impasto granuloso, non omogeneo e addirittura più liquido del previsto!

Per questo motivo l’albume va montato a “becco d’uccello”, ovvero fino a quando sollevando le fruste si creano delle “punte” che ricadono in una forma che ricorda il becco di un volatile.

A tal proposito possiamo sfatare due miti. Il “classico pizzico di sale” aggiunto agli albumi per farli montare meglio non serve a nulla. O meglio: aiuta in una prima fase ma una volta formato il reticolo ne rovina la struttura assorbendo l’acqua. Gli albumi, ma anche le uova intere, montano meglio se a temperatura ambiente perché la creazione del reticolo proteico è agevolato a temperature più elevate e inibito dal freddo.

Per un taglio perfetto e vedere meglio i famosi 3 strati bagnate il coltello nell’acqua calda prima di ogni taglio.

torta magica

Potete variare il gusto di questo dolce ad esempio sostituendo il limone con l’arancia oppure eliminando il limone e aggiungendo del caffè al latte (andando a ridurre di conseguenza la dose di latte in base a quanto caffè che aggiungerete) per avere una torta magica che vi darà la carica!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *