Marmellata di more della nonna

Chi di voi non è mai andato in campagna, in estate, a raccogliere le more dai cespugli che crescono in modo spontaneo? Questi frutti carnosi e succulenti, appena raccolti, hanno tutto un altro sapore e preparare una marmellata di more, o meglio confettura, significa racchiudere in un vasetto una parte di questa calda stagione. Come […]

  • Tempo di preparazione
  • Tempo di cottura:
  • Porzioni: 4 persone
  • Calorie: 252 Kcal/100 g
  • Ingredienti

  • More: 2 Kg
  • Zucchero: 1 Kg

Chi di voi non è mai andato in campagna, in estate, a raccogliere le more dai cespugli che crescono in modo spontaneo? Questi frutti carnosi e succulenti, appena raccolti, hanno tutto un altro sapore e preparare una marmellata di more, o meglio confettura, significa racchiudere in un vasetto una parte di questa calda stagione.

Come nel caso della marmellata di albicocche, la preparazione è molto semplice e, una volta sterilizzati i vasetti, si può procedere spediti. In realtà questa preparazione nasconde un insidio, i semini duri, ma non lasciatevi scoraggiare, a tutto c’è rimedio.

Procedimento marmellata di more:

1Lavate accuratamente le more sotto acqua corrente avendo cura di rimuovere residui di foglie e rovi, quindi trasferitele in una pentola dal fondo spesso.

2A questo punto se i semini non vi danno fastidio, unite tutto lo zucchero e mescolate. Lasciate cuocere per 30-40 minuti mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Trascorso il tempo, fate la prova piattino: lasciate cadere un poco di marmellata su un piattino e se faticherà a colare, la confettura sarà pronta per essere messa nei vasetti.

3Se invece non volete i semini la questione si complica. Mettete le more in una pentola dal fondo spesso con qualche cucchiaio di zucchero. Cuocete 30 minuti, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno e premendo bene i frutti. A questo punto passatela al passaverdura (ci sarà molto scarto) e rimettetela in padella con il restante zucchero proseguendo la cottura per un’ora. Trasferitela nei vasetti ancora calda.

4In entrambi i casi voltate a testa in giù i vasetti ancora caldi e lasciateli così una mezzora. Se, trascorso questo intervallo di tempo, premendo sul tappo non sentirete il caratteristico clap, significa che il sottovuoto è avvenuto. In caso contrario bollite i vasetti in abbondante acqua per 20 minuti, quindi lasciateli raffreddare completamente nella pentola.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *