10 cose che ti fanno arrabbiare al ristorante

Andiamo al ristorante per regalarci una cena tranquilla senza dover pensare ad apparecchiare, sparecchiare, lavare i piatti e decidere il menù. Proprio per questo desideriamo passare una serata senza intoppi, ma spesso ci sono delle cose che ti fanno arrabbiare al ristorante. Possono essere camerieri invadenti, piatti insapori o ristoranti caotici, il sabotaggio della nostra […]

Andiamo al ristorante per regalarci una cena tranquilla senza dover pensare ad apparecchiare, sparecchiare, lavare i piatti e decidere il menù. Proprio per questo desideriamo passare una serata senza intoppi, ma spesso ci sono delle cose che ti fanno arrabbiare al ristorante. Possono essere camerieri invadenti, piatti insapori o ristoranti caotici, il sabotaggio della nostra serata è dietro l’angolo.

Dopo aver cenato (e pranzato) in diversi ristoranti, sono riuscita a stilare questa lista delle 10 cose che proprio non mi vanno giù. Trovo, da buona italiana, che mangiare insieme sia un momento di gioia e condivisione. Avete presente quella pubblicità il cui slogan era “Gli italiani parlano di cibo anche mentre mangiano”? Ecco, penso che mi rappresenti. Passando tanto tempo tra libri, ricette e cucina, non posso fare a meno di notare dettagli che altri non si sognerebbero prendendoli come ispirazione per i miei piatti e per le mie critiche.

cose che ti fanno arrabbiare al ristorante

10 cose che ti fanno arrabbiare al ristorante

  1. Il tavolino in mezza alla sala. Immaginate la scena. Cenetta romantica con la vostra metà, entrate in quel bel ristorantino in centro che vi hanno consigliato. Il cameriere vi accompagna al vostro tavolo. Quello esattamente al centro della sala, vicino alla porta con colpi d’aria tremendi sia in estate che in inverno. Quello dove tutti vi passano vicino per entrare e uscire. Quello dove tutti sentono le vostre conversazioni e vedono cosa avete nel piatto. Penserete che c’è di peggio. Avete ragione: il tavolino vicino alla toilette!
  2. Il menù senza gli ingredienti. Esclusi i piatti tradizionali dei quali gli ingredienti sono universalmente noti, perché non scrivere per tutti gli altri due righe che lo illustrino. Un ottimo “risotto a modo mio” potrebbe essere fuorviante.
  3. Il cameriere è impreparato. Direttamente collegato al punto precedente, uno solitamente domanda al cameriere gli ingredienti di un piatto che non conosce. Lui ti guarda con gli occhi sbarrati, lancia uno sguardo al menù sperando di trovare una risposta che a te è sfuggite. Poi borbotta qualcosa di indistinto.
  4. Il piatto non è disponibile. Dopo aver letto il menù in lungo e in largo, scopri di avere una voglia irrefrenabile di tagliatelle ai funghi. Già ti vedi mentre le gusti, ne senti il profumo e le ordini. Poi, doccia fredda: “Siamo spiacenti, il piatto non è disponibile”. No, non funziona così. Dimmelo subito che almeno non mi illudo!
  5. I piatti non arrivano insieme. Superati tutti gli inconvenienti, finalmente arriva il cameriere con le tue non-tagliatelle ai funghi. Aspetti educatamente che anche gli altri ospiti del tuo tavolo ricevano il loro ordine. Inizia tutta una serie di frasi di circostanza che ti invitano a non aspettare, ma sai che non si fa e quindi cominci a guardare il piatto con l’acquolina in bocca. Loro ti invitano a mangiare e alla fine cedi. Finito il tuo piatto arriva il loro. E niente, ora tocca a te guardare.
  6. Il cameriere maldestro. Per l’occasione sfoggiate il vostro abito migliore, appena ritirato dalla lavanderia. Fresco e profumato, ne andate fieri e lo portate con dignità. Non avete messo in conto però che una posata potrebbe accidentalmente cadere dal piatto e finirvi in grembo, lasciando l’alone di un pessimo ricordo.
  7. Il cameriere maldestro 2. Spesso vengono assunti per questo ruolo ragazzi alle prime armi che non hanno alcuna nozione del lavoro. Il ruolo del cameriere, insieme a quello dello chef, non può essere preso sotto gamba. Per servire i piatti ci sono regole precise e di certo nessuna di queste prevede passare sulla testa degli ospiti o farsi passare il piatto.
  8. Il cameriere invadente. Tu vuoi solo passare una serata tranquilla chiacchierando con gli altri ospiti del tavolo. Il cameriere però è una presenza fissa. Si intromette nei discorsi, fa battute sugli ordini e, talvolta, sui presenti. Insomma, un vero ospite indesiderato!
  9. Il ristorante sovraffollato. Si sa, cenare fuori nel weekend potrebbe non sortire l’effetto relax desiderato. I tavoli occupano il 90% dello spazio del locale. Non puoi alzarti senza chiedere allo sfortunato seduto dietro di te di tirare indietro la pancia per farti passare. Per non parlare del tavolo di fianco: staccato di massimo 5 centimetri dal tuo, alla fine della serata ti senti quasi in obbligo di salutarli o invitarli a casa per un drink.
  10. Le porzioni striminzite. Premesso che non stiamo parlando di ristoranti stellati. Quando andiamo fuori a cena, in linea di massima, vogliamo mangiare, non assaggiare. Via libera quindi a porzioni adatte ad un uomo adulto per evitare scene alla Checco Zalone.

Se queste cose che ti fanno arrabbiare al ristorante dovessero verificarsi tutte nella stessa serata il consiglio è uno e uno solo: cambiate ristorante (io me ne sarei andata già al primo punto). Certo è che poi la recensione pessima su Tripadvisor non me la posso risparmiare!

In quale tra queste cose che ti fanno arrabbiare al ristorante vi riconoscete? Fatecelo sapere nei commenti!

1 comment on “10 cose che ti fanno arrabbiare al ristorante”

  1. Le cose che mi fanno arrabbiare sono ben altre.
    1) in assoluto la scarsa qualità della preparazione. Oggidì sempre più persone in cerca di lavoro si inventano il mestiere di ristoratore senza un’ adeguata preparazione tecnica. Quindi diffidare dei ristorantini a gestione personale. Sono fonti di fregature. Sull’altra sponda ci sono i ristoranti da matrimonio popolare. Anche più rischiosi dei primi. E poi quelli trappola per turisti. Insomma, mangiare bene in Italia sta diventando sempre più difficile.
    2) la musica… che c’entra col mangiare?
    3) all’ estero… il fumo. Che schifo!!!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *