Salvia fritta, croccante finger food

Sì, avete letto proprio bene, oggi prepariamo insieme la salvia fritta. La stessa salvia che cresce rigogliosa sui nostri balconi, con le caratteristiche foglie carnose e vellutate, dal colore delicato e aroma inconfondibile. La stessa salvia che siamo soliti usare per preparare gli gnocchi burro e salvia, e che vediamo spiccare sulle fettine di saltimbocca. […]

  • Tempo di preparazione
  • Tempo di cottura:
  • Porzioni: 2 persone
  • Calorie: 116 Kcal/porzione
  • Ingredienti

  • Foglie di salvia: 10
  • Farina 00: 80 g
  • Birra bionda fredda: 120 ml
  • Olio di semi per friggere: q.b
  • Sale: q.b

Sì, avete letto proprio bene, oggi prepariamo insieme la salvia fritta. La stessa salvia che cresce rigogliosa sui nostri balconi, con le caratteristiche foglie carnose e vellutate, dal colore delicato e aroma inconfondibile. La stessa salvia che siamo soliti usare per preparare gli gnocchi burro e salvia, e che vediamo spiccare sulle fettine di saltimbocca.

La salvia è infatti una pianta aromatica che torna utile in cucina per aromatizzare e insaporire, dalle carni ai legumi, ma che viene apprezzata anche per le sue proprietà benefiche.

La salvia fritta è una ricetta un po’ insolita, ma che permette di degustare la salvia in una veste croccante e sfiziosa, utile per arricchire antipasti e aperitivi, e stupire gli ospiti, che probabilmente non hanno mai addentato la salvia. Scoprirete presto il sapore gradevole e anche la praticità di un finger food di veloce preparazione.

Si tratta infatti di raccogliere delle foglie abbastanza larghe di salvia, passarle in una pastella di farina e birra, rigorosamente fredda, e successivamente friggere. Possiamo in alternativa alla birra, preparare la pastella con acqua frizzante fredda. Il freddo della pastella provoca shock termico con la temperatura dell’olio, lasciando la frittura più asciutta e non unta. La scelta di acqua frizzante o birra, consente grazie al contenuto di anidride carbonica, di avere un fritto più croccante. L’ideale è infine, consumare la salvia fritta appena preparata, calda e croccante.

Preparazione:

1 In una ciotolina prepariamo la pastella. Uniamo la farina, il sale e la birra. Con una forchetta mescoliamo bene fino ad avere una miscela omogenea. Lasciamo riposare la pastella per una decina di minuti.

Prepara la pastella

2 Nel frattempo prepariamo la salvia. Separiamo le foglie, scegliendo quelle di bell’aspetto, dal colore uniforme e prive di macchie scure, che siano intere e larghe.
Teniamo il gambo della foglia lungo, per poterle maneggiare facilmente durante la preparazione. Laviamo le foglie sotto acqua fresca, e le asciughiamo.

pulire foglie di salvia

3 Passiamo le foglie di salvia nella pastella, scolando la pastella in eccesso.

pastella foglie salvia

4 In una padella andiamo a scaldare l’olio, e andiamo a friggere le foglie di salvia. Lasciamo dorare da entrambi i lati.

friggere foglie di salvia

5 Scoliamo le foglie su carta assorbente e serviamo ben calde, eventualmente spolverando con del sale.

Conservazione:

È consigliabile preparare la salvia fritta al momento del consumo.

Varianti:

Ora che avete fatto pratica e avete scoperto la soddisfazione che regala questo piatto, visto che in poco tempo si riesce a preparare una sfiziosità che merita, potete alzare il livello e preparare la salvia fritta ripiena.
Basta mettere tra due foglie di salvia un pezzetto di formaggio, preferibilmente di quelli a pasta semidura non troppo acquosi, come provola o scamorza. Passiamo poi il tutto nell’uovo, nel pangrattato, e ripetiamo i passaggi, nell’uovo e di nuovo nel pangrattato. Questa doppia panatura, che spesso si effettua quando vogliamo rendere croccante l’involucro, torna utile anche per sigillare, in presenza di formaggi, evitando di perdere così il ripieno durante la frittura.

Curiosità

La salvia è ottima anche per preparare un ottimo decotto. Parliamo di decotto quando facciamo bollire acqua ed erbe insieme. In questo caso le foglie carnose della salvia ben si prestano a questa preparazione, a cui possiamo unire del limone o qualche fettina di zenzero. Il risultato sarà una bevanda calda, dalle proprietà antisettiche, digestive e spasmolitiche (un vero toccasana per il mal di pancia).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.