Cozze gratinate, croccanti e saporite

Le cozze gratinate sono una versione croccante per gustare un buon antipasto di mare. La preparazione non richiede particolari accorgimenti, se non  in fase di acquisto e pulizia delle cozze. Per questa ricetta sfrutteremo proprio la capacità del guscio di contenere un ripieno che andremo a preparare con pane, aglio, prezzemolo, e insaporire con l’acqua […]

  • Tempo di preparazione
  • Tempo di cottura:
  • Porzioni: 4 persone
  • Calorie: 238 Kcal/porzione
  • Ingredienti

  • Cozze: 600 g
  • Pane: 100 g
  • Aglio: 1 spicchio
  • Prezzemolo: 20 g
  • Parmigiano: 20 g
  • Olio extravergine: q.b

Le cozze gratinate sono una versione croccante per gustare un buon antipasto di mare. La preparazione non richiede particolari accorgimenti, se non  in fase di acquisto e pulizia delle cozze. Per questa ricetta sfrutteremo proprio la capacità del guscio di contenere un ripieno che andremo a preparare con pane, aglio, prezzemolo, e insaporire con l’acqua liberata in cottura delle cozze. Il tutto va messo a gratinare in forno, per avere una crosticina saporita e croccante.

Come anticipato è importante acquistare cozze fresche, confezionate in retine chiuse, dotate di etichetta, in modo da conoscerne provenienza e scadenza. È’ importante poi pulire le cozze prima di cuocerle, immergendole in acqua fredda, eliminando quelle che galleggiano, quelle aperte o rotte, perché in questo caso il frutto interno non è più vivo. Altro passaggio fondamentale è quello della rimozione del bisso, anche chiamato barbetta. Si tratta di quel ciuffo di filamenti che fuoriescono dalla cozza, e sono responsabili dell’ancoraggio delle cozze agli scogli.

Le cozze vanno consumate cotte e per poterle aprire è sufficiente metterle in un’ampia padella a fuoco medio, e coprendo con il coperchio. Il calore, oltre a uccidere potenziali batteri pericolosi, le farà aprire e proprio in questa fase, libereranno una deliziosa acqua da conservare e utilizzare per insaporire la nostra ricetta.

In commercio si trovano anche cozze già pulite, surgelate o sottovuoto, che vi faranno risparmiare parecchio tempo nelle fasi di preparazione.

Preparazione

1Puliamo le cozze: Sciacquiamo le cozze sotto acqua corrente e possiamo lasciarle a bagno in una ciotola capiente, con acqua fresca. Gettiamo via quelle che galleggiano, o che hanno il guscio rotto,  o sono aperte. A questo punto togliamo a ciascuna cozza il bisso, tiriamo con decisione, stringendo bene le valve in modo da non danneggiare e strappare il muscolo all’interno.

2Con un coltello, o una pagliuzza rimuoviamo le incrostazioni e i filamenti che ricoprono il guscio delle cozze. Risciacquiamo con acqua.

3Apriamo le cozze: mettiamo le cozze in una padella ampia,in modo da non ammassare le cozze tra di loro, lasciamo a fuoco medio, e copriamo con coperchio, giriamo di tanto in tanto, rimuovendo le cozze che già si sono aperte. Scartiamo invece le cozze che non si sono aperte in questa fase.

4Teniamo l’acqua di cottura, che va filtrata almeno un paio di volte per eliminare le impurità.

5Prepariamo il ripieno: tritiamo il pane, lasciandolo grossolano, e lo poniamo in una ciotola. Aggiungiamo aglio e prezzemolo tritati. Aggiungiamo un cucchiaio di acqua delle cozze, e un filo di olio. Eventualmente aggiustiamo di sale, prima conviene assaggiare l’impasto. L’acqua delle cozze è infatti molto sapida e spesso basta a condire le preparazioni, senza aggiungere ulteriormente il sale.

6Rimuoviamo la parte superiore del guscio, lasciando il muscolo attaccato alla conchiglia.

7Aiutandoci con un cucchiaino, poniamo una porzione di impasto all’interno della conchiglia, premendo leggermente con le mani, in modo da compattare l’impasto sul muscolo.

8Disponiamo le cozze in una pirofila, versiamo un filo d’olio, e inforniamo a 200°C per 15 minuti circa, o fino a doratura della superficie.

9Le nostre cozze sono pronte. Meglio consumarle ancora calde, ed eventualmente con una spruzzata di succo di limone, ma saranno ugualmente buone anche se servite tiepide.

Conservazione: possiamo conservare le cozze gratinate in frigo, in contenitore ermetico chiuso, per un giorno.

Varianti: possiamo personalizzare il ripieno a nostro piacimento, aggiungendo scorza di limone, zenzero fresco grattugiato o usando al posto del prezzemolo altre erbe come salvia, origano, rosmarino o erba cipollina.

Noi abbiamo proposto la versione in bianco, ma potete aggiungere all’impasto anche dei pomodorini tagliati a cubetti, per avere una versione più colorata e saporita, tenendo conto che il pomodoro darà più umidità all’impasto.

Curiosità: abbiniamo un vino bianco secco, leggero e secco.

Qualcosa di più sulle cozze: Le cozze sono molluschi bivalvi, formati da un guscio dal caratteristico colore nero-violaceo, costituito da due parti, dette valve. All’interno troviamo il muscolo di colore giallo-arancio, la parte commestibile che ci regala gioia e numerose ricette. 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *