Riso venere e salmone

Il riso venere, insieme al salmone, alla rucola e alla burrata è un piatto gustoso e allo stesso tempo leggero. Vediamo insieme come prepararlo, si tratta di pochi passaggi per un grande risultato che ne fanno un piatto completo. Procedimento: Bollire il riso in acqua salata, occorrono dai 20 ai 30 minuti in base alla […]

  • Tempo di preparazione
  • Tempo di cottura:
  • Porzioni: 2 persone
  • Calorie: 230 kcal/porzione
  • Ingredienti

  • Riso venere: 160 g
  • Salmone affumicato: 100 g
  • Rucola: 1 mazzetto
  • Burrata pugliese: 1
  • Limone: q.b.
  • Pepe: q.b.

Il riso venere, insieme al salmone, alla rucola e alla burrata è un piatto gustoso e allo stesso tempo leggero.

Vediamo insieme come prepararlo, si tratta di pochi passaggi per un grande risultato che ne fanno un piatto completo.

Procedimento:

1Bollire il riso in acqua salata, occorrono dai 20 ai 30 minuti in base alla marca, scolare, aggiungere un filo di olio e lasciare a raffreddare in un contenitore.riso venere con salmone

2In una ciotola marinare il salmone con il succo del limone per almeno 30 minuti.

riso venere con salmone

riso venere con salmone

3Lavare e pulire un mazzettino di rucola che avrà il ruolo di aromatizzare ancora di più il nostro piatto, tagliare a pezzetti e unire al riso.

riso venere con salmone

4Aggiungere il salmone, precedentemente tagliato a striscioline.

riso venere con salmone

5Tagliare a cubetti la burrata. E’ possibile sostituirla con altri latticini, ad esempio con le mozzarelline, l’importante è che sia un formaggio gustoso e che possa dare un tocco in più al nostro piatto.

riso venere con salmone

6Unirla al riso e al salmone, una spolverata di pepe e il nostro piatto è già pronto.

Curiosità:

Questa varietà di riso nasce da un incrocio tra una varietà di riso tipico della Pianura Padana e una varietà di riso nero asiatico.Il nome “Venere” rimanda ovviamente alla mitologia greca e precisamente alla dea romana dell’amore, della fertilità e della bellezza, un nome scelto non a caso, ma perché in passato il riso nero, era considerato un potente afrodisiaco. Le caratteristiche più riconoscibili  sono oltre all’aspetto cromatico anche l’aroma di pane appena sfornato che emana.

Maria Adriana Tomaselli

Un occhio ai fornelli, l'altro al mirino della macchina fotografica e un "nome d'arte" che a volte mi precede: Quella dei dolci, ma non solo dolci!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.