Pesto di salvia

Il periodo estivo è il più adatto per preparare conserve, salse e pesto grazie alla verdura di stagione ed ai nostri orti rigogliosi. Quest’oggi vi propongo il pesto di salvia che, tra le altre cose, è un toccasana per il nostro corpo, infatti questa erba aromatica svolge una funzione antinfiammatoria ed è ottima anche per […]

Il periodo estivo è il più adatto per preparare conserve, salse e pesto grazie alla verdura di stagione ed ai nostri orti rigogliosi.

Quest’oggi vi propongo il pesto di salvia che, tra le altre cose, è un toccasana per il nostro corpo, infatti questa erba aromatica svolge una funzione antinfiammatoria ed è ottima anche per i dolori legati al periodo mestruale e ai disturbi legati alla menopausa.

Pesto-di-salvia

Procedimento

Come prima cosa lavate accuratamente le vostre foglie di salvia, pulendole da ogni residuo di terra e di sporco ed eliminando i gambi. Disponete poi le foglie ad asciugare tamponandole con carta assorbente.

Pesto-di-salvia6

Pesto-di-salvia5

Una volta fatto tutto ciò mettete le foglie, le mandorle ed il parmigiano nel mixer ed iniziate a frullare il tutto, aggiungendo poi l’aglio ridotto a piccoli pezzettini, il sale ed infine l’olio.

Pesto-di-salvia4

Pesto-di-salvia3

Pesto-di-salvia2

Quando sarà pronto trasferite il pesto nei vasetti e ricoprite con un pò d’olio prima di sigillarli. Una volta aperto il vasetto va conservato in frigorifero.

Pesto-di-salvia1

Ingredienti (per 2 vasetti)

  • 50 gr. di foglie di salvia
  • 100 gr. di mandorle sgusciate
  • 50 gr. di parmigiano reggiano
  • 1 spicchio d’aglio
  • 100 ml. di olio extravergine d’oliva
  • 1 pizzico di sale
Monica Cazzaniga

Blogger gluten-free che ama cimentarsi anche nella realizzazione di piatti legati ad altre intolleranze. Amante della cucina, del buon cibo e del mangiare sano. Il cibo è la benzina del nostro corpo ed io cerco di usare sempre la miscela migliore!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.